WHEN I WAS DEAD: the dead files

 

Esterno castello con vampiro


SCENA SPECCHIO

(Appunto per lo specchio: mandare mail Mrs P per questa scena con la foto del sopralluogo, chiedere al tizio del teatro se possiamo tenere lo specchio per almeno tre giorni e se proprio ci tengono così tanto che non mi dispiacerebbe tenerlo)

INTERNO CASTELLO

La camera zoomma lentamente, appare una figura sfocata. In sottofondo le voci soffocate che provengono dalla sala dove si stanno tenendo le prove di un’opera teatrale, alternate alle note di un violino quasi scordato.

La figura che ci ha accompagnato dentro questa sala sembra ancora inafferrabile, stacco con la camera a mano che inquadra un piccolo palco illuminato da una luce incredibilmente potente dove due attori stanno leggendo le battute da un foglio. I due attori indossano una camicia bianca e dei pantaloni neri molto eleganti: entrambi cercano di ignorare l’ingresso improvviso della figura che ha preso posto in una delle sedie vuote posizionate ad una certa distanza dal palco. Uno dei due attori cerca di dire la sua battuta, ma lo sguardo si sposta preoccupato verso la figura seduta che rimane nell’ombra. Primissimo piano sulla faccia dell’attore che tradisce un leggero panico, controcampo sull’altro attore che sembra altrettanto preoccupato e ancora campo lungo sulla figura nell’ombra.

Voce da una zona non identificata della sala, che escluso il palco sembra sprofondare nel buio:

Figura : “ Non devi….” ( la voce sembra perdersi in un’eco spettrale)

Primo piano sull’attore che sembra quasi paralizzato, freeze per qualche secondo.

1 Attore: “ Quello che non posso veramente sopportare è vedermi solo nelle facce degli altri. Non riesco a ricordarmi come sono, riesco a vedere solo chi ero…”

Controcampo sul secondo attore

2 Attore: “ Ecco come….. ( attore alza lo sguardo verso la figura seduta nell’ombra che non sembra più lì) come….”

La figura misteriosa appare al centro del palco ,in mezzo ai due attori, illuminato da una luce quasi abbagliante. É vestito come i due attori ma sembra più elegante, è giovane, molto pallido e molto alto. Si avvicina al secondo attore e gli parla sottovoce all’orecchio:

Figura: “ Ecco come ci si sente a non essere vivi…”

Scena 1 & Scena specchio + scena cimitero. Scena cimitero o lapide, se ci prestano il crane che ci potrebbe tornare utile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...