WHEN I WAS DEAD : nowhere

WHEN I WAS DEAD: nowhere

 

SCENA CIMITERO

 

( Appunto per la location:

Chiesto il permesso al comune, hanno detto che possiamo girare nella parte che devono restaurare, che possiamo usare le luci, ma finire prima delle 4pm. Trovare modo di portare crocifisso gigante senza dare nell’occhio e scena del rogo buona la prima)

 

ESTERNO GIORNO

 

Ingresso cimitero. Un pesante cancello in metallo nero aperto a metà, sormontato da una croce in pietra e una scritta in latino quasi cancellata, si intravedono solo le parole -Vita- e – Mutatur- Tollitur-.

Campo lungo con totale del cimitero. Primo piano della croce e poi sequenza con le parole della scritta, una alla volta.

Soggettiva del vampiro che entra, alcune persone all’interno si accorgono della sua presenza e fuggono terrorizzate. Ancora totale dell’esterno con il gruppo di vampiri che lo inseguono ( meglio non farli vedere se non ci danno i soldi per i costumi).

In un angolo del cimitero apparentemente abbandonato dei rampicanti e un fitto fogliame sembra nascondere una antica lapide. Close up del viso del vampiro che fissa questo angolo senza vita: un vento improvviso fa volare via le foglie e seccare i rampicanti e rivela una lapide che somiglia più ad un’antica porta. Intorno il vento sembra aumentare di intensità, le croci e le lapidi intorno cadono e/o si spaccano ( se si riesce a spaccarne qualcuna vera è meglio che tanto non le contano). La lapide/porta ha due date che però sono illeggibili, sopra una figura intagliata nella pietra di un angelo con due ali da pipistrello appollaiato sopra un piccolo teschio.

Il vampiro in piedi, immobile, davanti alla lapide, particolari del vestito molto elegante, bianco e nero, la mano che esce dalla manica orlata da pizzi barocchi, eccessivi. Inquadratura di spalle del gruppo di vampiri , almeno quattro, fermi immobili davanti all’ingresso del cimitero. Campo lungo e camera a mano che si avvicina lentamente,il vampiro si siede gambe incrociate, primissimo piano del suo viso, senza espressione, a pochi metri dalla lapide. Il vento sempre più forte cancella anche le poche tracce delle date, il vampiro si volta, verso l’ingresso del cimitero, ma i vampiri che lo inseguono sembrano dissolti.

Un turbine di foglie e polvere sconvolge la scena per qualche attimo: nell’angolo dove si trovavano il vampiro e la lapide vediamo il gruppo di vampiri sempre di spalle: la lapide è ancora ricoperta di rampicanti e di foglie, un ululato terrificante rompe il silenzio. Black out.

 

Snapshot dal set di When I was dead

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...