QUANDO ESCI RICORDATI DI SPEGNERE LA LUCE

img_0566

Interno giorno

Una ex chiesa apparentemente sconsacrata. La camera zoomma su un crocifisso extralarge che oscilla sospettosamente. Un esorcista e un seminoto autore horror underground. Luci basse & vaga puzza di incenso.

Il mio amico esorcista è finalmente riuscito a comprare questa ex chiesa in un orrido paesino disperso nella pianura dice che il suo sponsor occulto gli ha fatto avere i fondi ed è pronto a partire per la sua nuova avventura sempre che la Curia non si insospettisca e che vorrebbe che lo aiutassi e dico come no devo solo chiedere al mio avvocato sempre che la clinica psichiatrica dove è rinchiuso mi dia il permesso ma sono solo dettagli e se c’è uno sponsor che sgancia io sono in prima fila come Sky ma ora che il canale è ancora nella palta questo dovrebbe essere un buon posto per far ripartire Ti ho detto Vade Retro che come sappiamo ha fans in ogni luogo che sarebbero disposti quasi a tutto per poterlo rivedere.

Non ho ancora capito bene quale sarebbe il piano ma dice che qualche idea ce l’avrebbe solo che per iniziare bisognerebbe allestire il parco luci e preparare lo studio all’interno perché comunque vorrebbe realizzare un prodotto di qualità e io dico certo e dice che dopo avere visto The Exorcist con quello che rimane di Geena Davis e l’esorcismo finale della famiglia che sembravano i Ricchi e Poveri la gente deve sapere che gli esorcismi sono una cosa seria e dico non ci sono dubbi e chiedo quanti soldi ci sarebbero per l’attrezzatura e fa segno che non ci sono problemi e credo sia la prima volta che succede e penso a una batteria di 5 mila W e un controluce favoloso dietro l’altare e ovviamente avremmo bisogno di un gruppo elettrogeno perché se no rischiamo di mandare il paese in blackout ogni volta che facciamo la trasmissione ma il mio amico dice che è tutto ok e penso ok e che l’unico problema è che prima di iniziare dovremmo fare una specie di rito purificatorio e penso eh ma dice che è indispensabile per proteggerci dalle forze del male che sono sempre in agguato e penso a quelli di Esorcizza Questo che stanno agli esorcismi come i vegani alla trippa ma dico una guerra è una guerra…

Annunci

DOVE ERAVATE RIMASTI

27ishioka1-popup

Un semi squallido ufficio di seminota casa di produzione di grande città del nord. La camera panoramica un po’ a caso cercando il solito autore horror underground. Luci tipo Lubezki ma con meno pretese.

La tizia di Little Giants credo di averla vista già da qualche altra parte ma siccome non riconosco mai nessuno sorrido e lei dice che fino a poco tempo fa lavorava, si fa per dire, alla ThinkBig che sembra sia disgraziatamente fallita e non capisco proprio perché si erano lanciati nella Horror Kitchens dove uno chef impazzisce e tutti devono scappare ma prima devono fare in tiramisù ma adesso dice è tutta un’altra storia e si ricordava di me d’altronde chi non e l’idea adesso è di produrre una miniserie su Nostradamus e devo dire che non ci avevo pensato nemmeno io.

Prima di entrare in spinosi particolari, budget soldi bonifici, la tizia dice che è un progetto a lungo termine e penso mini serie lungo termine eh? ma che ha avuto la greenlight e che l’unico che potrebbe scrivere e girare questa serie sarei io come darle torto solo che c’è un piccolo particolare e già vedo una serie di assegni postdatati ma non è questo è che avevano già contattato un altro regista e che hanno già una sceneggiatura solo che all’ultimo il tizio/a si è dato e penso ecco la fregatura e le dico che io MAI ho lavorato con qualcosa scritto da altri e lei dice che capisce e io dico che sono contento che lei capisce e che sarebbe contenta che io ri-scrivessi tutto da capo solo che ci sarebbero alcuni paletti e dico che come li scarto io i paletti non c’è nessuno e la tizia inizia a ridere quella risata falsa ma le dico che in tre giorni le posso scrivere una fantastica puntata pilota e lei dice sì sì ma pensando no no e sento che c’è qualcosa sotto che non mi vuole dire solo che non oso chiedere ma sospetto che sia qualcosa che finirà su Mediaset o peggio ancora Sky visto che non credo siamo in area Netflix ma dico che con un castello vero io posso fare qualsiasi cosa, quasi.

Io già vedo questo grande inizio con Nostradamus che suona il piano in questa enorme sala di castello e inizia a scrivere le sue profezie la camera panoramica e si solleva e si vede che lui e il pianoforte sono su un mucchio di cadaveri perché lui ovviamente è un vampiro, posso cedere sul castello ma di Raul Bova non se ne parla…

PERVERGENT

CAdI-EzWwAA-T7W

Interno giorno

Un’orrida sala di multisala in orrida periferia hinterland di grande città del nord. La camera zoomma su un seminoto autore horror underground e panoramica su gruppo di teen alle prese con un sabba digitale. Voci e commenti insopportabili in sottofondo e vaga puzza di popcorn scaduto.

La clip di The Day with no light è interessante dura circa quattro secondi e venti centesimi ma comedire credo che funzioni gli “esperti” del team della ThinkBig sono entusiasti i titoli sono fantastici ammetto e l’urlo in sottofondo è particolarmente convincente anche se ignoro completamente l’uso futuro ma boh mi hanno promesso che convinceranno i loro clienti che ho scoperto essere quelli dell’Outlet del Funerale a usarmi come regista con budget vagamente superiori cosa certa visto che è credo impossibile andare sotto zero ma solo forse.

Ho già detto comunque che sono fuori dal discorso cimiteri di notte e castelli pericolanti anche se qui posso fare delle concessioni ma avrei già delle grandi idee ma il mainstream chiama sempre e uno dei tizi della ThinkBig che onestamente faccio fatica a distinguere uno dall’altro e fondamentalmente fanno tutti la stessa cosa che credo sia social media strategist che ho rinominato social media stragist mi ha detto in tono quasi confidenziale che ammira molto tutto il mio lavoro tra l’altro chi non e che hanno grandi progetti e mi ha consigliato di andare a vedere Insurgent perché sembra che vogliano fare qualcosa sulla falsa molto falsa riga e ho iniziato ad avere visioni che stranamente non includevano bonifici ma solo sequenze molto molto buie e cerchi concentrici nel grano.

Il film è credo una seconda parte di qualcosa che comunque sono stato molto felice di avere perso lei è l’eroina un po’ Shirley Temple un po’ Linda Blair che si taglia i capelli per finire a cercare di sgozzare un tizio con la mimica di un clown mcdonald in una mensa tipo Ikea poi arriva il moroso che è chiaramente insoddisfatto e ad un certo punto arriva una buzzicona che dice qualcosa tipo c’avete rotto ve ne dovete annà. Ad un altro punto si fanno delle pere e lei vede cose arriva il fratello con labbra a risucchio e una bionda che somiglia a Kate Winslet. Tra una pera e l’altra compare la madre di lui che believe it or not è più giovane del figlio e l’eroina è particolarmente seccata ma non lo dà a vedere. Finisce con loro che vagano per i campi tipo Hair ma la musica è una merda. Credo segua altro sequel.

Prendo degli appunti mentali e credo che il media stragist fosse rimasto affascinato dalle rovine del film che in questo momento storico qui abbondano senza bluescreen e ho già un’idea di un vampiro che viene dal futuro che ha inventato una droga che fa qualcosa che non mi viene in mente ma il titolo dovrebbe essere qualcosa come My name is Viktor F che voglio dire…

 

THE TRUTH IS SOMETIMES OUT THERE

edifici-abbandonati-284725

 

 

Interno giorno

Un quasi set di un video tipo virale. La camera zoomma su un paio di cadaveri tipo zombie con T shirt con scritta tipo Expect the unexpected. Teen senza esperienza chattano e commentano rumorosamente fuori dall’inquadratura. Autore horror underground visibilmente infelice con ciak e vago odore di patatine fritte scadute con cocacola sgasata.

Le riprese di The Day with no light sono state qualcosa la ThinkBig ha messo insieme un budget sufficiente per un BigMac ma noi nell’horror underground siamo abituati d’altronde alla think cheap sorry big dicono che sono le idee che smuovono le cose e questi mantra alla Sai Baba ormai li sento da milioni di anni e siamo atterrati con una troupe di tre persone con una specie di cameraman che credo abbia la sindrome di Tourette che si fa chiamare Yoyo e fa ogni tanto un tremendo schiocco con la lingua e sono indeciso se chiamare il mio amico esorcista per vedere se si può fare qualcosa di sicuro avrebbe portato un paio di 5mila W che ce n’è bisogno ma so che non approva molto gli zombie già i vampiri gli stanno sul culo e con lui sono solo possessioni & similia e per le riprese si sono presentati una decina di teen con speranze di set di Twilight o The Walking Dead e gloria e si sono dovuti accontentare di tartine con gelatina radioattiva e patatine del 1975 ma adesso sanno cos’è l’underground.

Uno di loro che credo avesse 15 anni e che voleva sapere se poteva avere una copia del video che voleva usare come provino per entrare a UCLA e gli ho detto che insieme al provino doveva portare anche 50 mila dollari e si è messo a ridere e mi ha detto che lo usano spesso a Studio Aperto dove fa solitamente il tossico o il membro di una baby gang o spesso tutti e due e con queste credenziali come non poteva venire fuori un totale capolavoro ho pensato mentre vedevo i due tizi della ThinkBig scambiarsi commenti su post it in una nuvola di fumo sospetto.

Il set come promesso era un ex mensa aziendale che la scenografa aveva giustamente pensato di lasciare esattamente come era perché dice che questo look dove lo trovi e le chiedo dove avevano trovato lei ma tra un wassap e l’altro dice che con 10 euro di budget il look industriale era perfetto e alla fine dopo che ho svegliato il cameraman e spiegato ai teen la sequenza cioé tutti fermi e zitti iniziamo a girare con luci molto molto basse e il cameraman inizia una danza di zoom e pirouette come per un provino di Amici e gli dico che forse mi potrei accontentare di qualcosa anche sul cavalletto e i teen che non sono abituati allo show biz e al mondo del cinema iniziano a lamentarsi violentemente del trucco pesante e mi chiedono in coro cosa devono fare e dico che i morti non respirano e di concentrarsi almeno su quello mentre continuano a farsi selfie e penso al When I was Dead e se per caso una mensa potrebbe tornare utile…

ERA UN POMERIGGIO BUIO E TEMPESTOSO

DSC00073

INTERNO GIORNO

Una sala conferenze in un orrido palazzo hinterland. La camera stringe su un paio di tizi, controcampo su un seminoto autore & regista underground. Sorrisi di plastica e luci fluo.

Il mio amico esorcista mi chiama per dirmi che vuole fare uno special su una teen che oltre ad essere posseduta e parlare un latino con pochi errori sembra che abbia pure il cane posseduto, non sa ancora bene cosa fa ma sembra che riesca ad abbaiare quasi tutte le hit di laura pausini che vogliodire promette bene. Il canale però è andato vagamente in vacca dopo che la curia ha “consigliato” di tagliare la hotline esorcismi che era diventata il punto di riferimento di tutti i posseduti della regione con punte di gradimento in diverse cliniche psichiatriche e centri specializzati e ho iniziato a guardarmi intorno, l’horror underground è sempre in movimento e c’è sempre in giro qualche festival di film mai distribuiti con piani sequenza di un’oraemezza e cose da dire e da fare per salvare il cinema o quello che è rimasto da tutti i vampiri dolcegabbana, stronzate twilight e zombie senza nessuna personalità.

Oggi sono passato da questi tizi sembra che siano una specie di direzione artistica di un parco divertimenti, la loro società si chiama Selling Air che suona interessante e quello che vogliono sono delle idee e vogliodire sono qui per questo, questo e possibilmente dei bonifici,e stanno per lanciare una nuova attrazione che dicono che farà uscire letteralmente fuori di testa generazioni di teen anche se penso che li stiano vagamente sottovalutando e quello che vogliono è una mini sceneggiatura , la tizia che aipadda la chiama così e mentre mi sorride tipo squalo le dico che mi ricorda Regan e si mette a ridere e dice forse Hillary e ho capito che non ha capito, come al solito. L’altro tizio che aiphona dice che hanno sentito parlare di me, vogliodire chi non, e mi chiede se per caso ho anche uno showreel, oggi anche per lavorare al casello dell’autostrada devi avere uno showreel, gli dico che nell’horror underground gli showreel sono per perdenti tipo Sergio Arranca e che cose come Seppelliscimi Ancora, Battito Assente e Non esco di giorno dovrebbero bastare e il tizio mi guarda e dice che qui alla Selling Air sono tutti molto professionali e che vorrebbero vedere anche qualcosa, stavo per dirgli se va bene il filmino delle mie vacanze ma i tempi sono grami e voglio dare al mainstream un saggio di quello che l’underground può fare per alzare un po’ il livello semisquallido dei parchi di divertimento. Prima di andarmene la tizia mi chiede se ho già in mente un titolo così lo possono già mettere sul sito e ho pensato a qualcosa come Loculi liberi ma forse posso fare di meglio….

TIME LAPSE

INTERNO NOTTE

 

Un finto studio televisivo nel retro del etcetc. La camera HD cerca di zoommare sulla tizia al centro dello studio che sta fissando la sua immagine sul monitor di servizio. Teens annoiati fissano la tizia. Luci tipo 5000w sulla tizia molto molto violente.

 

Sto cercando di scrivere la scena per When I was Dead anzi riscriverla quella dello specchio che all’inizio aveva suscitato quel certo interesse fra diversi producer underground come quella tizia che andava in giro con tre aipad e li usava contemporaneamente la stessa che adesso è in vari titoli di giornali per avere lanciato un format per una web tv con teenager malati terminali di shopping, il titolo era qualcosa come Shopping Killer che però aveva avuto diversi problemi con l’osservatorio minori e diversi istituti di carte di credito revolving che sembrano fossero sponsor poi ha messo il becco pure l’unicef e boh.

Qui nella nostra tv stiamo cercando di fare prove per Ti ho detto Vade Retro, il mio amico esorcista ha appena intervistato una teen che crede di essere Santa Giulia, l’anno scorso era Santa Rita e era indeciso se provare con un mini esorcismo o fare un time-lapse di una sua giornata, adesso che l’ha scoperto dice che è la nuova frontiera contro il maligno e i cali di audience, gli ho detto di come funziona audiweb ma dice che dall’alto qualcuno ci darà una mano e penso anch’io solo che credo costerà qualcosa.

Ovviamente la tizia producer vuole la sua parte e per la prima puntata dice che ha bisogno di una star per Binario Quasi Morto, star ma non troppo perché comunque lei non vuole concorrenti e a parte il caso Kennedy, abbiamo taroccato un po’ il filmato di Dallas per mettere dentro un tizio che è sputato a padrepio, abbiamo pensato di mandare una mail a Paris Hilton che vogliodire non so come farà a dire di no ho detto solo alla tizia che comunque potrebbe costare un po’ ma dice che per i soldi non ci sono problemi, una frase che nell’underground è come – domani vengono qui i proprietari di HBO per discutere su When I was Dead – e caso mai anche a Lady Gaga che potrebbe venire nella pausa tra un concerto e l’altro e quasi le mando nella mail la foto della croce al neon, provare non costa niente.

Per adesso di pronto abbiamo ancora la parte registrata l’anno scorso del tizio che voleva a tutti i costi far rientrare Plutone nel sistema solare che adesso è in clinica magari potremmo fare una diretta web da lì, i nostri spettatori potrebbero identificarsi….

I SEE NO EVIL

 

INTERNO GIORNO

 

Uno studio quasi televisivo nel retro di un negozio di articoli religiosi. Camera a mano con panoramica , due tecnici stanno cercando di montare un enorme schermo led , zoommata su un tizio sinistramente vestito di nero che osserva la scena mormorando un’oscura litania. Luci di penombra.

 

Il mio amico esorcista mi ha detto che per Ti ho detto Vade Retro abbiamo bisogno di aiuto e ho pensato mah ma mi ha detto che non devo preoccuparmi per i testi cosa che io mai ma dice che è solo una specie di consulenza tipo tecnica e sono sicuro che il tizio è una specie di spia del vaticano e che siamo stati scoperti anche se non c’era proprio niente da scoprire e che questo somiglia proprio a un corvo.

Il tizio mi saluta con una specie di grugnito e dice che è un tecnico che lavora soprattutto nel teatro ragazzi e se fossimo in un serial squallido americano adesso ci sarebbe la scena dove la spia guarda i nostri dossier e la mia filmografia e partirebbe la sigla e io credo dovrei essere protagonista, anzi credo la vera star e Seppelliscimi Ancora sarebbe in testa al box office per dico tre o quattro mesi, con l’opzione in 3d.

Il mio amico esorcista sorride e mi chiede se voglio dare un occhio al girato della settimana scorsa con le scene di massa e vedo che il tizio fa finta di non essere interessato e andiamo in una saletta che sarebbe quella del montaggio guardandomi spesso indietro e gli chiedo se per caso quando telefona non sente un ronzio o un respiro pesante ma dice che il tizio è ok e che possiamo fidarci.

Guardiamo dei pezzi del girato che dovrei montare per metterlo in Ti ho detto Vade Retro e penso alla musica da aggiungere che dovrebbe aiutare a confondere un po’ le idee, c’è una scena buona con il teenager che alla domanda se c’è il maligno tra di noi guarda la camera fisso per venti secondi che dico che dovremmo invitarlo alla diretta che sarebbe un boom.

Intanto il mio amico producer mi twitta che la Vietnam Film Commission vuole che gli mandi lo script di Distant Blood tradotto in Viet e che se per caso sono contrario a una ventina di minuti dentro al film di una soggettiva di un vietcong e penso a come potrei montarla e a quanto potrei chiedere per il budget effetti speciali, tipo molto speciali….