UN POSTO QUASI AL SOLE

vlcsnap-2012-12-16-21h23m18s70

Interno indefinito

Un orrido bar/pub di estrema periferia di grande città del nord. Un estremamente semifamoso autore di culto horror underground a colloquio con tizia di ignota provenienza. La camera cerca di zoommare un po’ a caso. Caldo osceno e vaga puzza di fiori morti e piscia di cane.

La tizia di Netflix dice che ormai non si fanno più incontri istituzionali e che lei abita proprio qui vicino e fa un gesto che comprende anche il cimitero e penso che sia un inizio incoraggiante il problema è che nelle sedi istituzionali almeno c’è l’aria condizionata e un bar vero non come questo con delle brioche mummificate e la macchina del caffè che quando parte sembra pronta a lanciarsi verso un satellite di Saturno. La tizia dice che mi sta seguendo già da un bel po’ d’altronde chi no e dice che è un peccato per le avventure di Ti ho detto Vade Retro e anche Tertium non datur che siano finite ma Netflix, come per dire non siamo mica quegli sfigatoni di Sky con roba tipo Gomorra e 1992, 93, 94 etc, è sempre molto attenta a tutto ciò che avviene attorno perfino in Italia dove tutti sanno che non succede mai niente e dice basta puntate zero basta cose del tipo vediamo-cosa-succede e dico sì basta ci vogliono 10 puntate e tutte in una botta che è la cosa di Netflix che tutti vogliono almeno così sembra e che io sono qui per questo e lei dice che è qui per quello e quindi siamo tutti qui che è una folla discreta e quindi bisogna cominciare e mi chiede se per caso ho visto The Keepers e dico sì ma non molto convinto mi sembra l’horror con il tizio del motel costruito sopra il cimitero ma non mi sembra roba da netflix e scopro che in realtà è la storia di una suora ma non ci sono possessioni o esorcismo e la tizia dice che solo su Netflix si possono vedere prodotti di questa qualità e per un istante penso che mi abbia chiamato per vendermi un abbonamento.

In realtà Netflix Italia è ancora un po’ in un limbo di produzioni grosse non se ne parla e te pareva ma sono sempre pronti a sostenere, sostenere?, idee & progetti interessanti e se non sono interessante io chi altro e pensava a una serialità tipo The Keepers ma tutta molto, cioé abbastanza, realistica e se avevo per caso qualche spunto e le dico che sono uno spunto vivente e che proprio adesso stavo scrivendo un soggetto basato su una storia assolutamente vera di un vampiro nel 600 o tipo che viene intrappolato da un prete svalvolato in un crocifisso di legno che ovviamente viene scoperto in una chiesa abbandonata nell’800 solo che quando viene venduto a un tizio poco raccomandabile questo scopre il segreto, che rimane indicibile fino alla fine, e quando il crocifisso finisce anzi ri-finisce in una chiesa vera qui iniziano a succedere cose strane e il titolo che avevo pensato era Un posto quasi al sole e la tizia mi guarda come se avesse scoperto che qualcuno ha hackerato il suo account fb….

Annunci

OBSOLESCENZA PROGRAMMATA

iu

Esterno similgiorno

Un orrido paesino hinterland di grande città del nord. Un seminoto autore underground e un noto esorcista passeggiano nella nebbia. La camera zoomma sulla facciata di una chiesa sconsacrata illuminata da una terrificante batteria di 5000W. Vaga puzza di fiori morti & di bruciato elettrico.

Il mio amico esorcista giura che ha l’ok da Sky e che troveranno lo spazio nel palinsesto da qualche parte e che manca solo il titolo lui ha molta fiducia solo che quando scopriranno che vuole scavare nel cimitero per ragioni che non oso nemmeno io chiedere credo ci saranno delle vaghe obiezioni e anche se sono pure io per un realismo a 360 credo ci siano dei limiti che anche noi non dovremmo superare almeno credo certo che se approvano sarei il primo a chiedere il rinnovo per una prima stagione da almeno 10 puntate e un drone a disposizione per delle riprese notturne con una camera superHD che costa tipo 50 mila € ma in nome del realismo e dell’ ABC dell’horror è uno sforzo che si può fare cioé che Sky può fare ma con quello che incassano per loro sono noccioline e ame le noccioline sono sempre piaciute.

Il materiale per la puntata pilota è quasi pronto ma sarà tutto una specie di finta diretta il set all’interno della chiesa è fantastico tipo incrocio tra una puntata di walking quello e westworld con meno pretese ma molto realistico l’altare sembra fatto solo di ossa e teschi e la navata centrale sembra l’abisso di un film di carpenter ma è tutta una cosa di luci che ci/gli costano una fortuna ma il suo sponsor principale quello dei lumini sembra disposto a sborsare e quando ha visto le clip delle possessioni con il latino perfetto si è vagamente entusiasmato e l’idea di finire sulla pay-tv gli ha annebbiato un po’ le idee ma finché è annebbiato le cose per noi si mettono bene almeno finché rimane la nebbia.

I tizi della produzione di Sky non si sono ancora fatti vedere ma questa è la mia area e sicuramente troverò qualche hardcore fan mio e/o dell’horror underground e questa carta io me la so giocare sempre bene il titolo che stavo/amo pensando è tipo Una luce nel buio o Credici ancora anche se suona un po’ tipo un programma della Clerici ma vogliamo allargare la nostra audience e il nostro/mio conto corrente e il sindaco del paese è già arrivato e dice che ci sono stati diversi blackout in settimana e ci chiede se sappiamo qualcosa….

QUANDO ESCI RICORDATI DI SPEGNERE LA LUCE

img_0566

Interno giorno

Una ex chiesa apparentemente sconsacrata. La camera zoomma su un crocifisso extralarge che oscilla sospettosamente. Un esorcista e un seminoto autore horror underground. Luci basse & vaga puzza di incenso.

Il mio amico esorcista è finalmente riuscito a comprare questa ex chiesa in un orrido paesino disperso nella pianura dice che il suo sponsor occulto gli ha fatto avere i fondi ed è pronto a partire per la sua nuova avventura sempre che la Curia non si insospettisca e che vorrebbe che lo aiutassi e dico come no devo solo chiedere al mio avvocato sempre che la clinica psichiatrica dove è rinchiuso mi dia il permesso ma sono solo dettagli e se c’è uno sponsor che sgancia io sono in prima fila come Sky ma ora che il canale è ancora nella palta questo dovrebbe essere un buon posto per far ripartire Ti ho detto Vade Retro che come sappiamo ha fans in ogni luogo che sarebbero disposti quasi a tutto per poterlo rivedere.

Non ho ancora capito bene quale sarebbe il piano ma dice che qualche idea ce l’avrebbe solo che per iniziare bisognerebbe allestire il parco luci e preparare lo studio all’interno perché comunque vorrebbe realizzare un prodotto di qualità e io dico certo e dice che dopo avere visto The Exorcist con quello che rimane di Geena Davis e l’esorcismo finale della famiglia che sembravano i Ricchi e Poveri la gente deve sapere che gli esorcismi sono una cosa seria e dico non ci sono dubbi e chiedo quanti soldi ci sarebbero per l’attrezzatura e fa segno che non ci sono problemi e credo sia la prima volta che succede e penso a una batteria di 5 mila W e un controluce favoloso dietro l’altare e ovviamente avremmo bisogno di un gruppo elettrogeno perché se no rischiamo di mandare il paese in blackout ogni volta che facciamo la trasmissione ma il mio amico dice che è tutto ok e penso ok e che l’unico problema è che prima di iniziare dovremmo fare una specie di rito purificatorio e penso eh ma dice che è indispensabile per proteggerci dalle forze del male che sono sempre in agguato e penso a quelli di Esorcizza Questo che stanno agli esorcismi come i vegani alla trippa ma dico una guerra è una guerra…

DANCING ON THE HEAD OF A PIN

iu

Interno incerto

Gli ormai ex studi di una seminota ma orrendamente popolare trasmissione culto con ex esorcisti semiposseduti & teen mistici.

Vago odore di candele & luci sacre.

Quello che rimane degli studi di Ti ho detto Vade Retro è la fantastica croce fluo che il mio amico esorcista dice che ha già attirato l’attenzione su Ebay dice che si riparte da un’altra parte e che questo canale ormai era diventato troppo piccolo per noi anche perché tutti i nostri sponsor storici soprattutto Avanti un altro ci hanno mollato clamorosamente e iutiub come sappiamo non paga cioé loro fanno i soldi e noi forniamo tutti gli svalvolati della zona aggratis che vogliodire. Netflix e/o HBO non si fanno sentire e Horrorland La luce si avvicina e Non siete mai stati soli i miei totali capolavori annunciati devono ancora aspettare non so perché intanto ri ri ritornano sequel ricose rifacimmenti restauri di tutto non solo al cinema ma soprattutto in tv tipo Westworld dove in due puntate ci sono due tizi che si guardano male robot-zoccole cowboy-disney tre quattro coglioni e Anthony Hopkins che fa la sua comparsa conciato come il nonno di Linda Blair ma con HBO è così scopriremo un twist in sei sette puntate cioé all’ultima puntata della serie dove qualcuno dice -è stato tutto un sogno- tiè.

Ovviamente a fine mese e con grande acume @Halloween arriva il boh remake in serie dell’Esorcista con Geena Davis al posto di Ellen Burstyn passata diverse volte a Botoxland ma è un horror e a queste cose non è che si può fare sempre caso poi c’è pure The Rocky Horror Picture show insomma siamo tutti incastrati in un gigantesco loop replay ma fortunatamente tutto in HD.

Il mio amico esorcista dice comunque è solo questione di aspettare che arrivi il momento buono perché i tentativi di imitazione del nostro show falliranno miseramente e giura che un nuovo megasponsor lo ha contattato, pare nel ramo della chimica o conservazione di corpi ma non ho chiesto, per ri rilanciare Ti Ho detto Vade Retro e dice che dobbiamo raccogliere nuove testimonianze e girare nuovo materiale e gli ho detto che nella zona abbiamo esaurito tutti i casi possibili e lui dice che questa volta possiamo andare anche in trasferta visto che ha ricevuto anche segnalazioni dall’estero e che il latino sembra ottimo e che quindi non serve altro che mettere giù qualche idea nuova e mi ha chiesto come me la cavo con il rumeno e ho detto ecco, dunque…

OPEN THE DARK

images.duckduckgo-1

Interno giorno

Una specie di open space con post teen che pascolano tipo zombie ma meno espressivi. La camera zoomma su un enorme schermo dove lampeggia interrogativamente la scritta Little Giants. Un autore horror underground e qualcun altro nell’inquadratura ma decisamente meno importante per la storia del cinema. Luci a caso.

La tizia della L.G. mi chiama anzi messaggera di passare da loro per comunicazioni. Nel mondo dello show biz o quello che è rimasto comunicazioni vuol dire fanculo o qualcosa del genere o chiudiamo i rubinetti se mai li abbiamo aperti. Siamo, cioé eravamo, a una settimana dall’inizio cioé quasi inizio dei Nostradamus Papers con il casting e cose del genere. Avevo già individuato una fantastica location in una ex centrale di qualcosa con un fantastico cartello di pericolo radiazioni ma la tizia ha questa faccia da mi-si-è -rotto- l’iphone. La tizia dice che sembra, eh?, che stiano già producendo da qualche parte una serie con Nostradamus di mezzo e che per il momento, altro proverbio dello showbiz, il progetto è in standby parola codice per maipiùnellavita. Stop. Mi domando se i divani dell’openspace siano infiammabili perché il fuoco aggiungerebbe quel non so che, ma non meritano nemmeno questo. In compenso questa notte ho credo avuto la visione del capolavoro totale e assoluto che Netflix e HBO aspettano da una vita. Vedo un vero film in pellicola 70mm se lo fa Tarantino perché io no meno di una miniserie in quattro o sei puntate mai.

Il plot è molto semplice, una coppia di studentesse si trasferisce in un appartamento in una zona centrale di una città famosa per l’occultismo o tipo e per diverse notti le due fanno lo stesso sogno di una porta che si apre. Siccome studiano architettura scoprono che dietro un lato del loro appartamento si trova una chiesa paleocristiana che da diversi anni è chiusa per restauri, almeno apparentemente. Ovviamente cercano di entrare nella chiesa ma niente e cercano nella biblioteca della loro università delle notizie sulla storia della chiesa. In mezzo scopriamo che una delle madri delle due è una medium che è scomparsa dieci anni prima, ovviamente misteriosamente. Un giorno trovano una lettera sotto la porta,  dove qualcuno le avverte di stare attente, dentro la chiesa è custodito un libro, sacro, forse sacro…

End part I

LA VISIONE E’ CONSIGLIATA AD UN PUBBLICO QUASI ADULTO

0.1438533856958.gioaladdinsane@yahoo.it

Esterno sera

Una orrida zona di parcheggio destinata a festival in zona periferica hinterland di grande città del nord. La camera panoramica sul pubblico e sugli stand di frittelle e salsicce. Nugoli di zanzare cannibali e insistente puzza di olio rancido. Luci inguardabili.

Non c’è rimasto quasi più niente di festival underground tantomeno horror underground anche perché le ultime due sale che ospitavano le rassegne sono andate quasi misteriosamente a fuoco e quelle parrocchiali non si capisce perché si ostinino a rifiutare gemme come Messa per il messia o Cripta-ta non-ostante le mie continue rassicurazioni della lotta comune  contro i maligni ma boh e quindi quello che è rimasto sarebbe Ultima Visione con materiale non alla mia altezza che non so qual è ma che di sicuro non è questa e film come Dont wake 1 e 2 e Dont breathe 1, 2 e 3 mi lasciano sempre un po’ così ma visto che Netflix non dà segni di vita devo rimettermi un po’ in pista e fare vedere a tutti che l’horror underground è sempre l’horror underground ecco.

In più l’organizzatore mi aveva promesso che avrebbe fatto vedere Nonvivo che ero molto curioso di vedere anche se nessuno sa né la trama o altro e so solo che si interrompe a metà per tipo mezzora ma il resto è un mistero e il tizio che non conosco mentre tracanna un litro di qualcosa che mi sembra solvente diluito con mastrolindo dice che lui e altri vorrebbero produrre che è la parola magica un film, un film intero, ovviamente horror underground e chi altri visto che Sergio Arranca credo sia morto o lavori per Mediaset che è lo stesso se non me medesimo potrebbe e ho pensato ecco è la volta buona, cioé una di quelle che sembra buona.

La cosa interessante è che hanno a disposizione dei droni per le riprese cosa che mi ha vagamente spiazzato ma sembra che oltre a bombardare o cose simili servano anche a fare riprese aeree e anche se non sono un esatto fan di primi piani camere a sbracciate e carrelli delle panoramiche tipo Linea Verde o Quark mi sembra che ammazzino un po’ il pathos e l’azione ma in questi tempi grami bisogna prendere quello che c’è e il tizio dice che potrei pensare a qualcosa ma al momento non posso riciclare niente di quello che ho giò scritto visto che cimiteri e castelli dall’alto non mi sembrano facciano questa figura ma c’è sempre una prima volta…

(to be continued)

THE DAY WITH NO LIGHT

2011-06-16_113509

Esterno /interno giorno

Un orrido ufficio open space di una quasi nota startup di grande città del nord. Le telecamere zoommano su un gigaschermo che spara immagini in loop a velocità sovrumana. Autori horror underground sullo sfondo e vago odore di cappuccini bruciati.

Ancora negli uffici della ThinkBig il tizio postgiovane trilla che l’idea di Esco sempre di giorno è piaciuta un sacco con questi tizi c’è sempre l’impersonale è piaciuto è andato e che è solo una questione di tempo prima di iniziare a girare e mettere insieme il budget insomma c’è sempre questa nebulosa di mezzo che boh e che comunque gli sarebbe venuta in mente un’altra idea molto easy -ah- da fare molto velocemente per uno scopo che mi sfugge ma alla ThinkBig questo si fa nowhere fast e sarebbe per il 20 del mese una specie di qualcosa che loro chiamano -event- mah visto che c’è una eclisse di sole e quale occasione migliore da sfruttare e ho pensato eh? Ma visto che alla mia banca mi stanno cercando da diversi mesi così come altri diversi tizi sto cercando di pensare positivo e dico che ok si può fare anche se non capisco bene cosacomequando ma ehi.

Chiedo se è possibile avere almeno un tot di persone e il tizio mi guarda come se stesse pensando se costano qualcosa e gli dico che se mette un annuncio in giro diversi svalvolati possono presentarsi senza condizioni e mi dice perché e gli dico che stavo pensando a una cosa tipo che in un giorno di eclisse dove tipo Giove è in opposizione a Venere succede qualcosa come un risveglio di zombie scena un obitorio di grande città e una mascherina gli dico che fa miracoli e sembra non capire bene e si mette a ridere e dico che possiamo chiamarlo The day with no light e dice che forse il tema è più per vampiri che per zombie e gli chiedo quanto sarebbe il budget e dice che ok non è il momento di fare i sofistici gli zombie vanno bene e che la truppa di ggiovani serve per fare gli zombie e i medici che come noi sappiamo finiranno abbastanza male.

Sorrido come un malato mentale in via di quasi guarigione e intanto anche la prima puntata di Ti ho detto Vade Retro aspettata da non so quanto è andata a ramengo ci sono state diverse minacce da gruppi non bene identificati di integralisti cattolici che hanno promesso di appiccare – ancora- fuoco agli studi cosa che sarebbe stata tra l’altro un fantastico lancio ma non so bene come per motivi di sicurezza hanno rimandato la puntata con grande delusione per i fan del gruppo del momento i Jets & Mani che dovevano fare live la loro megahit Una croce è x sempre e si vedrà.

Intanto il tizio mi chiede se per caso l’interno di una mensa potrebbe passare per un obitorio e penso a qualcosa tipo Masterchef Zombie ma boh…