VIRAL UNDERGROUND

 

BZFFfxJIgAAcl6C.jpg-large

 

Interno giorno

 

Un quasi ufficio con vista su parcheggio vuoto in nota città del nord. La camera zoomma su un acquario con pesce fluo che nuota in loop perfetti. Luci neon e vaga puzza di fiori morti.

 

 

Le scorie della Selling Air si sono trasferite in un semi orrido quartiere di quasi periferia lontani dalla gloria del centro e dei palazzi con ascensori di vetro la tizia che è nuova gli altri sono latitanti o ai domiciliari mi guarda come se mi conoscesse i successi di Seppelliscimi ancora e Non esco di giorno le devono essere arrivati anche se con qualche anno di ritardo ma mi dice che ora alla Selling Air si respira aria nuova, almeno quelli che hanno la semilibertà, e che anche lo spirito è diverso e che era ora di finirla con questo snobismo e questa atmosfera da multinazionale corporascion e che adesso è tutto smartyoungrestless e tutto un sotchalnetuorkin di qui e di là e che non esistono problemi ma opportunità. Tra l’altro senza mettersi a ridere nemmeno una volta cosa che ho ammirato non poco.

Mentre parlava a vanvera pensavo a quest’estate a cosa era rimasto dopo le ceneri di Ti ho detto Vade Retro che ha esalato l’ultimo respiro almeno per questa stagione tipo i festival horror underground che sono rimasti e Saranno Rinchiusi appena ci daranno i permessi per girare nelle ex prigioni segrete della Stasi ma effettivamente non è che c’è niente di confermato o che è di certo molto underground ma avere qualcuno che ti chiama tipo Netflix o major di hollywood non sarebbe male.

La tizia intanto continua a tritare sempre le solite cose, questa devono averla presa da quei canali che vanno in onda 24h su 24 che vendono frullatori e materassi, e dice che la vera, la VERA soluzione per l’horror underground, TUTTO l’horror underground, è andare VIRAL diventare virale virale, totalmente virale e che che ha delle fantastiche idee per il lancio e le chiedo il lancio di che cosa visto che non si è parlato di COSA ma dice che non è importante i video virali e tutto questo netuorking servono solo a creare il buzz il parliamoneanchesenonsappiamodiche poi appena si è creato tutto questo bigbang di fondamentalmente NIENTE allora possiamo cioé posso iniziare a pensare a qualcosa tipo video tipo boh ma dice che sicuramente avevo qualcosa in pentola.

Le dico che avevo pensato a qualcosa tipo zombie e che avevo molti teen che verrebbero a lavorare cioé comparire aggratis tipo che escono dal cimitero monumentale cosa che mi servirebbe alla grande per il MIO lancio di When I was Dead tipo un sabato sera e che servirebbero solo un po’ di soldi per i costumi e almeno qualche luce e almeno un paio di camere in HD e tipo un autobus magari un po’ scenografato per portare i teen lì e mi chiede quanti teens e dico boh tipo un centinaio che so che farebbero una certa figura e mi chiede per il lancio di cosa sarebbe e dico che è inutile pensarci adesso appena lo facciamo sicuro mi viene una cosa in mente….

 

SVISTAVISION

VistaVision_(To_Catch_a_Thief)

Esterno giorno

 

Un orrendo bar di semiperiferia di una grande città del nord. La camera zoomma su un noto autore horror underground etc etc, luci boh…

 

Ancora una volta per l’Academy o quel che è il cinema underground non esiste il mio producer che ora credo sia in un collettivo vietnamita di film di propaganda statale diceva che era solo una questione di tempo che prima o poi tutto quello che oggi è underground sarebbe diventato mainstream e il contrario solo che ho dei dubbi visto che anche all’estero l’underground ha gli stessi problemi.

Il mio When I was Dead che già vedevo in quasi tutte le sale per quest’anno sembra che non trovi finanziamenti e nemmeno un castello in rovina o qualche cimitero per le riprese tutti mi dicono che si potrebbe giare in economia ma l’horror underground ha sempre delle regole un abc degli specchi che NON riflettono e dei vampiri che al PRIMO raggio di sole necessariamente si disintegrano con una bella fiammata non voglio negargliela ma in giro con l’amichetta a giocare a baseball direi di no.

Intanto aspettando che succeda qualcosa per la versione DDR di Saranno Rinchiusi al ritorno abbiamo scoperto con vaga sorpresa che dopo lo special dell’ultimo dell’anno c’è stato un attacco di veri fan agli studi di Ti ho detto Vade Retro che hanno cercato di dare fuoco con decine di crocifissi al nostro ormai ex producer e soprattutto al suo avvocato che voci dicono che sia scomparso in una nuvola di fumo incandescente e visto che l’orda era fatta di teen mistici spero che abbiano fatto molte riprese soprattutto in hd poi se c’è dell’audio interessante non dico di no.

Il mio amico esorcista dice che adesso bisogna fare un rito riparatore e fare un esorcismo a tutti gli studi cosa che potrebbe produrre un altro fantastico special e non sarebbe male se tornasse anche il gruppo di teen per le nuove riprese anche se la Curia ci ha mandato un’altra raccomandata con un fantastico bollo papale in ceralacca che ci intima di sospendere ancora una volta la trasmissione e di assolutamente non mandare in video teen impressionabili che parlano di demoni e dare fuoco agli impuri almeno senza la loro supervisione e chiedono pure i diritti perché hanno scoperto nei loro archivi che ogni volta che si parla di esorcismi in tv hanno diritto a delle royalties ma questo documento lo voglio proprio vedere.

Intanto ho scoperto che Real Time fa più ascolti di La7 che non è proprio una notizia ma sembra che siano più aperti alle novità di certo più di mediaset e stavo pensando di proporre un reality ambientato nel mondo dei teens che fanno musica religiosa che sembra siano diventati una realtà quasi diffusa e volevo iniziare a informarmi specie con questo gruppo che è nostro fan da sempre i Paradise Now che hanno questa semihit che si chiama Brucia con noi che vogliodire promette bene…

GLI EVENTI NARRATI SONO QUASI REALMENTE ACCADUTI

edifici-abbandonati-284725

 

INTERNO SERA

 

Un ex rifugio antiqualcosa sotterraneo in una nota capitale europea. Un seminoto autore horror underground discute con un quasi noto regista underground tedesco. La camera zoomma sulle pareti di cemento e su un poster di una rockstar defunta locale. Luci gialle e vaga puzza di muffa.

 

Sembra che sia diventato vagamente complicato pure qua per il vero cinema underground mettere in piedi qualcosa e visto che sono giustamente ossessionati dal realismo non capisco perché ci sono tante resistenze a ricostruire quei due trecento metri di Muro e quelle quattro torrette di osservazione che mi/ci servono per ricostruire la città di quel periodo neanche avessi chiesto di buttare giù Potsdamer Platz o il Reichstag che comunque se lo facessero non direi di no ma solo per un vero spirito di realismo, non è che si può sempre fare tutto in post produzione che tra l’altro costerebbe pure di più.

Tutto quello che abbiamo ottenuto per girare una puntata zero di Saranno Rinchiusi è questo orrendo ex rifugio che in realtà è una ex disco ex bar ex negozio di dischi ex etc etc e che dovrebbe essere la sala prove della quasi immaginaria academy di danza e recitazione ai tempi della DDR e che dovevano per legge creare delle coreografie e cantare canzoni di propaganda mentre segretamente nascondevano mirror ball e dischi di Gloria Gaynor e Boney M. In teoria potremmo avere dei finanziamenti perché sembra che i turisti vadano matti per questo genere di stronzate e vorrebbero mandarlo in loop in una sala apposita del Museo del Muro e ficcarci dentro pure un’app per il telefono che ti permette di fare un provino per entrare nella scuola e ho chiesto con nonchalance se per caso c’era la possibilità di avere delle royalties sulla vendita di queste app ma sono stati molto generici.

Intanto il mio amico esorcista è piombato qui dice che è abbastanza preoccupato dal nostro nuovo producer sembra che nella puntata di fine anno diversi crocifissi abbiano preso fuoco di propria iniziativa senza nessun intervento del nostro scenografo piromane attualmente internato e che comunque tutte le stanze degli ex uffici della Stasi avevano bisogno di un esorcismo oltre che di una consulenza sulle luci da usare ed è stato abbastanza deluso dal mancato horror visto che dice che è sicuro di sentire delle presenze e che comunque ha in mente anche lui una app che registra delle presenze oscure e pure una mini formula di esorcismo ma solo quella breve e con un latino che fa sempre molto effetto…

SARANNO RINCHIUSI

DSC00693

Esterno giorno

Gli ex uffici di una nota organizzazione spionistica con vasto richiamo di pubblico negli anni 70 e 80. La camera nascosta zoomma su un gigantesco poster che inneggia al cinema horror patriottico e vampiri socialisti. Orrenda musica di propaganda in sottofondo e luci proletarie.

Il producer di Ti ho detto Vade Retro mi chiama per sapere quando torno, sembra che voglia fare uno special per l’ultimo dell’anno tipo una messa che ha chiamato “particolare” e dice che ha già pronta una chiesa e che bisognerebbe scrivere qualcosa e ho pensato che è il momento giusto per chiedergli cosa pensa del mio nuovo quasi futuro capolavoro When I was Dead e di come centomila € non sono neanche tanti per una tappa fondamentale nel cinema horror.

Qui intanto sembrano esserci dei problemi a parte l’orrenda puzza di currywurst e crauti sembra che il ministero non voglia dare il permesso per girare negli ex uffici Stasi e che il film comunque anche se horror deve avere uno scopo didattico proprio quando ero riuscito ad entrare nelle stanze dove facevano gli interrogatori e ho scoperto che estorcevano le confessioni facendo andare in loop continuo anche per tre giorni di fila Ti rockerò di Heather Parisi cosa che non farei nemmeno con Muccino o Sergio Arranca anche se provare non sarebbe male in fondo sono sempre per un realismo a 360 sempre per il bene dell’arte ovviamente.

Il tizio che mi ha chiamato per proporre l’idea è anche lui deluso ma mi dice che anche qui l’horror underground fa fatica a trovare consensi e bonifici pure ma dice che bisogna insistere e che potremmo girare al posto del nostro horror di armadi posseduti un documentario quasi didattico ma con un taglio particolare e al posto di interviste a ex internati e dossier spaccapalle mettere una storia di fantasia che poi andrebbe in loop nel museo e che ci farebbe un sacco di pubblicità e penso che mi accontenterei di una nomination per il miglior documentario anche se non sarebbe così glamour ma un tappeto rosso è un tappeto rosso.

Ovviamente tiro fuori l’idea che avevo già proposto un po’ di anni fa, quelli di una scuola di recitazione canto e ballo nella DDR fine anni 70 che organizzano una serata vicino al muro per il regime ma in realtà vorrebbero tagliare la corda e sarebbe un mix tra Amici e Fuga per la vittoria con loro che saltano il muro inquadrati dalle luci dei riflettori e ho chiesto se per caso si possono rimettere dei pezzi di muro in mezzo alla città per questa sequenza e mi basterebbero solo un centinaio di metri e mi hanno guardato come se non avessero mai girato con una grande, brillante star dell’horror underground e penso a come suona Saranno rinchiusi in tedesco….