NON TI HO ANCORA DETTO COME VA A FINIRE

iu-2

Interno indefinito

Un bar semichic di orrida periferia hinterland di grande città del nord. Mandrie incontrollate di teen sciamano come api stordite da intensa luce. La camera panoramica di qua e di là come in un film italiano d’autore. Dialoghi tipo spot vodafone e luci quasi naturali.

La tizia del canale mi dà appuntamento in questo locale che sarebbe trendy per gli standard attuali c’è un’intensa puzza di qualcosa scaduto e un ronzio non specificato non so se fare il mio ingresso tipo in ritardo o parlando al telefono per dare la solita impressione di intensa attività ma vedo arrivare la tizia su una smart rosa e rinuncio a qualsiasi tipo di pretesa. La tizia mi guarda e allarga il solito sorriso di plastica ma almeno spero che porti qualche tipo di buona notizia ultimamente, cioé da vari anni, non sta succedendo niente di interessante nell’horror underground e ciò oltre a deprimere me deprime molto anche il mio conto corrente che vogliodire dice che ha visto diverse cose delle mie -produzioni- che non ho mai sentito chiamare così ma va bene e dice che nel canale che non nomina ma sospetto quale sembra ci sia interesse per produzioni aridaje di qualità e che sì qualcosa si sta muovendo e le chiedo quanto si stanno muovendo e dice eh che non so se sia una domanda o un’affermazione di qualcosa ma dico che ho diversi progetti in corso e che se vuole/vogliono qualche idea io sono qui poi se è supportata da una cifra io non mi muovo. La tizia ha tre telefoni e un ipad con un incrinatura centrale che lo rende interessante e mentre uno della trinità cellulare vibra violentemente mi fissa con quello sguardo che conosco bene e che vuol dire in sintesi -boh- e mi chiede se ho qualche proposta e dico che non ci sono problemi ma sembra che la tizia voglia sentire tipo ADESSO e dice tipo qualche spunto mentre passo in veloce rassegna mentale Non siete mai stati soli Open the dark Nostradamus Papers e le chiedo se siamo nell’ordine di grandezza di Westworld o Misteri e dice la seconda che hai detto e le butto lì una delle mie perle recenti dove una profezia di Nostradamus mai pubblicata viene scoperta da una studentessa di letteratura medievale ex suora di clausura con un’amica scienziata e una madre medium che insieme scoprono che la profezia parla di un evento che sta proprio per succedere ai nostri giorni e allo stesso tempo sono inseguite da una setta di vampiri e la tizia sembra essersi persa dopo la prima frase e mi dice quasi convinta – interessante – e chiede se è una serie o qualcosa d’altro perché forse vorrebbe qualcosa di più semplice e dico aspetta non ti ho ancora detto come va a finire….

Annunci

YOU DONT REALLY WANT TO KNOW

iur

Interno qualcosa

Il solito etc etc con la camera che etc etc autore horror underground aria condizionata a sbuffi odore di muffa e cocacola sgasata.

Una tizia chiama tipo voce aldilà dice che è in macchina e chiede se mi sente e mi sto domandando se quelli di Netflix o di HBO Europe chiamano dalla macchina perché non credo che potrei sopportare altre proposte da cose come la Little Giants o simili insomma non si può diventare underground da un minuto all’altro solo per darsi una patina ggiovane ma mentre sto pensando di rispondere tipo sto girando uno spot per la Sony la voce oltretomba dice che ha letto la sinossi di La luce si avvicina e che (interferenza) si potrebbe graaa sprrrr ggnnnfft location craa sssttrra clic. La conversazione muore nel momento più interessante anche se non mi ricordo bene il plot di La luce si avvicina ma credo fosse sui vampiri che vivono vicino al circolo polare artico ma mentre penso alla location e se Netflix o Hbo hanno serie simili ricevo un messaggio sempre dalla voce che dice che appena può richiama.

Devo riprendere gli appunti perché non mi ricordo se avevo cambiato la scena dove il vampiro diventato prete manda a fuoco la chiesa di plexiglass con i vampiri dentro con quella dove il sole sorge ma non so se costava meno ma tanto con tutti i soldi che ha Netflix non dovrebbero esserci i problemi ma devo anche prepararmi il pitch di Open the dark anche se ho dei problemi con il finale ne ho scritti tre ma nessuno mi convince ma non sarebbe neanche male mettere lo scienziato pazzo del Il sole non sorge o era quello di Post Vitam boh anche se non ho capito bene se la tizia o il tizio voleva fare un film o una miniserie perché La luce si avvicina erano almeno 10 puntate se non in una botta sola con due stagioni ce la caviamo ma non posso lasciarmi scappare l’occasione di proporre il nuovo horror della storia i miei Nostradamus papers ma lì non si scappa bisogna farlo con una serie anche mini ma di puntate di un’ora e mezza non so se Netflix fa puntate lunghe ma HBO di sicuro, mi sembra…

THE NOSTRADAMUS PAPERS

images.duckduckgo

Interno giorno

Un orrido ufficio in etc etc la camera zoomma etc etc con chi-sappiamo-noi. Una tizia di una seminota casa di produzione di qualcosa e un seminoto ma di culto autore horror underground. Luci naturali e vaga puzza di cappuccini bruciati.

Ho scoperto che alla Little Giants c’è addirittura un bar interno che ogni start- me-up ormai deve avere. I tizi devono avere visto gli uffici di Google e si sono fatti prendere un po’ la mano ci sono dei muffin oversize e delle orride tazze di caffè con il logo LG che vogliodire ma la tizia mi sorride e dice di prendere pure e come dire no. Il filone Nostradamus si è rivelato molto produttivo ho passato un mese intero a scrivere l’intera serie che ovviamente è un altro capolavoro e ho portato l’intero malloppo qui solo che ho ovviamente stampato tutto e la tizia non deve essere un prodigio in lettura senza aipad visto che guarda il tutto come se da un momento all’altro un demone saltasse fuori e la mordesse.

Chiede di fare un piccolo riassunto e dico che sì posso iniziare dall’idea centrale che sarebbe che Nostradamus ha scritto una parte che non è mai stata pubblicata dove ovviamente fa delle profezie così terrificanti che nessuno ha avuto il coraggio tranne noi cioè io ovviamente che non abbiamo paura di niente tranne che di Sky e delle fiction di mediaset. La tizia mi guarda e mentre le racconto di ogni scena della immancabile puntata pilota sembra che stia pensando al budget di ogni cosa neanche fossimo in Trono di Spade in pratica una delle profezie viene scoperta da una studentessa di letteratura medievale che era un ex suora di clausura e che ha un’amica scienziata che a sua volta ha una madre medium e questo trio di squinternate si convince che la profezia che hanno scoperto parla ovviamente dei giorni d’oggi e a un certo punto dopo vari giri scoprono uno dei luoghi dove dovrebbe succedere il casino anche se il posto vero lo scopriamo dopo qualche puntata giusto per tenere la suspense.

Ma la cosa non è così semplice visto che in un esorcismo una tizia posseduta ha fatto il nome della ex suora ora studentessa e l’esorcista in realtà appartiene ad un’oscura setta che non ci mette troppo a mettersi sulle loro tracce e da qui inizia tutto con scena finale sempre della puntata pilota in una chiesa abbandonata che per favore dico non in studio, dico il realismo…