LA SALVEZZA E’ QUASI GRATIS

“Nannies” (actually well-costumed stuntmen) are blown away by special effects “wind” on the Cherry Tree Lane set built in the Disney Studio’s Stage 4 during the production of Mary Poppins (1964).

Interno giorno

La sagrestia di piccola chiesa di hinterland di grande città del nord. La camera zoomma su un crocifisso tipo 3 m x 4m in bilico e oscillante. Armadi di legno vagamente marcio aperti con resti non identificati.

Luci sacre.

Netflix non dà segni almeno apprezzabili di vita è diventato ormai Nietflix e il mio fantastico plot per Horrorland sembra destinato ancora a una versione tipo fiction di Mediaset con Bova e la Arcuri che però non schiatta la prima puntata e mi rimane solo Quasi Buio ma la tizia dell’ultima volta probabilmente mi ha dato un numero di telefono falso visto che ogni volta risponde una voce con un preoccupante accento cinese che continua a ripetermi che fanno solo takeaway e no prenotazioni ecco.

Le speranze per l’horror underground e pure per un qualche bonifico rimangono solo nella ripresa prossima delle trasmissioni del canale religioso e ovviamente della sua colonna portante cioè Ti ho detto Vade Retro e di uno speciale che dovrebbe andare in onda per Natale il mio amico esorcista dice che ha del materiale che ha girato personalmente che giura essere una bomba siamo sempre sulle possessioni nel mondo problematico dei teen ma il latino è perfetto e sembra che addirittura una tizia si sia avventurata in brani in greco antico anche se il mio amico dice che la pronuncia lascia veramente un po’ a desiderare e l’insistenza a voler cantare una canzone di Tiziano Ferro al contrario lo ha lasciato un po’ così.

Per lo speciale spero di recuperare almeno una delle band di rock cattolico che ultimamente sono diventate così difficili visti i continui dissidi interni tipo i Paradise Now che si sono divisi sulla questione dei provini di X Factor ed è stato un vero peccato perché con il videoclip che avevo in mente per loro avrebbero fatto i milioni su u tube se solo non avessero fatto tutte quelle storie sulla claustrofobia e sui ragni ma questa nuova band di cui ho sentito un gran bene i The Holy Night non sembrano interessati ai talent solo che vogliono solo suonare di notte o almeno quando c’è buio cosa che promette almeno spero.

La maggior parte dello speciale dovremmo girarlo in una sagrestia il prete locale sembra aspettarsi il set di un film di Spielberg e il mio amico esorcista dice che ha già pronto il suo nuovo set di luci a scarica e spero che abbia noleggiato anche un gruppo elettrogeno l’ultimo prete di un dossier l’anno scorso ci ha fatto causa gli è arrivata una bolletta di cinquemila euri che il vaticano si è rifiutato di pagare e poi ci sarebbe tutta questa funesta serie di video casalinghi tipo selfie su teen che hanno girato su possessioni e fenomeni quasi paranormali homemade che vogliodire sono agghiaccianti ma il mio amico dice che sono oro e sono pure popolarissimi sul tubo e il prete locale dice che anche lui è un fan del genere e chiede anche se posso fare un bonifico sul suo conto personale e non quello della curia per lo speciale sembra che quel conto sia bloccato e lui vorrebbe andare per capodanno alle barbados che dice che non ci è ancora stato….

Annunci

QUASI BUIO

nosferatu-murnau

Interno giorno

Un orrido salottino di casa di produzione con ambizioni in periferia di grande città del nord. La camera zoomma su un noto autore horror underground. Musica ggiovane in sottofondo e luci sgradevoli.

Continuo ad aspettare notizie da Netflix per Horrorland sono disposto ad accettare anche di girare su un set e non in un VERO parco di divertimenti abbandonato ma per adesso non sembra muoversi niente ma si sa questi americani se la tirano sempre all’infinito e Ti ho detto Vade retro forse sta per ri ri ri cominciare ho appena trovato un coro che canta degli esorcismi in latino che è semplicemente fantastico sembra che abbiano anche partecipato alle audizioni di X factor con alterna fortuna che boh e andrebbero benissimo per l’apertura ma dobbiamo avere ancora il nullaosta la curia in questo momento ha dei problemi sembra che con i soldi delle offerte per un orfanotrofio in Somalia abbiano comprato una Jacuzzi a forma di croce per un noto cardinale ma dicono che appena risolvono c’è la nostra faccenda ma per adesso gli studi sono vuoti e gli sponsor pure quello delle pompe funebri Avanti un altro si è dato e soldi nix.

La tizia di questa casa di produzione è una del tipo che una parola su tre finisce in ing e quando mi chiede se ho qualche progetto in ballo dico che il mio nuovo script Horrorland ha attirato già molto interesse cosa che non potrebbe essere non vera e la tizia dice che anche loro hanno un work in progressing e che le piacerebbe che la/gli aiutassi a fare un planning o tipo un thinktanking per un loro progetting che a loro sta molto at heart ecco.

Ho portato dietro il mio blocco di appunti quello con gli script di vampiri e la tizia mi guarda domandandosi cosa siano quei fogli con delle incisioni blu irregolari e dice che senza il suo aipadding lei sarebbe come tipo persa e dico che ho vari spunting interessanting per quello che ha/nno in mente di fare che ancora non ho capito ma spero che ci sia un IBAN in mezzo.

Ovviamente spunta fuori il virale (vedi The Day with no light qui) e la tizia dice che stanno curando, letteralmente, l’immagine di una seminota stilista di moda creata per teenager “sensibili” cioé con soldi da spendere e fulminati e vorrebbe una specie di clip per il lancio anzi il superlancio della sua linea Theenlight e non devo pensarci troppo ovviamente tiro fuori il mio grande script di Quasi buio che per il pubblico internazionale era Almost Dark almeno credo dove c’era questo stilista vampiro che faceva sfilate solo di notte/sera tardi e gli invitati erano molto molto selezionati e finale con botto che adesso non mi ricordo….

MORE HORRORLAND

images.duckduckgo

Tags: ex parco divertimento posseduto ex prete giornalista Devil’s Eye fiction horror teen che finiscono male cast che finisce male.

Le riprese iniziano, la giornalista che fa finta di essere un’attrice con telecamera quasi nascosta deve fare una scena dove entra nell’ex tunnel dell’orrore dove tutti sanno che è successo l’incidente l’ex prete anche lui attore deve girare la scena insieme a lei solo che lui ha avuto una visione dove tutti e due ci restano nell’incidente solo che non capisce se è stato prima o dopo ( arriva un flashback che spiega un po’ le cose ma non troppo). Gli spiriti maligni che abitano il parco iniziano a farsi vedere ma con tipo facce normali qui veniamo a sapere per la prima volta che il luogo ospitava un antichissimo cimitero e luogo sacro dove si facevano sacrifici umani per andare in un luogo che pensavano fosse l’Aldilà .

La giornalista comincia a capire che c’è qualcosa che non va ma è vagamente troppo tardi e intuisce che può salvarsi solo con l’aiuto dell’ex prete il prete capisce che gli spiriti in realtà vogliono solo lei perché potrà finalmente aiutarli ad aprire la porta che li separa da questa specie di aldilà che per adesso è tipo molta luce e una irritante musica tipo Goblin.

Adesso si capisce che lei è in realtà la discendente di un’antica sacerdotessa cioè medium che nei tempi antichi ma tanto antichi permetteva ai viventi di accedere a questo posto tipo paradiso ma con meno musica e angeli; qui bisogna spiegare bene perché se no la gente che guarda si confonde tipo una puntata intera soprattutto il particolare che l’ex prete ha capito la cosa fondamentale cioè che questo aldilà somiglia tipo all’inferno cosa che gli spiriti non hanno preso bene e per quello hanno provocato l’incidente, in mezzo allo spiegone un po’ di clip con flashback del giorno dell’incidente dove schiattano uno dietro all’altro e il cast che ce lo giochiamo & effettazzi ralenti e botte di bianco e nero che confonde un po’ le idee.

Finale :

l’ex prete in mezzo al casino cerca di convincere le anime dell’ex parco di non aprire la porta perché tipo non è quello che pensano sia la medium attrice giornalista dice no io vado con loro perché appartengo a loro e arriviamo alla rivelazione finale: quelli della casi di produzione della Devils Eye sono in realtà quelli che abitavano nell’antichità l’ex parco di divertimenti che all’epoca era tipo Stonehenge ma un po’ meglio e che attorno al tavolo fanno una specie di rito che aveva come scopo fin dall’inizio di riportare le anime verso l’aldilà/inferno.

Perché?

Questo nel sequel….

HORRORLAND 2

abandoned_park_30

Riassunto della puntata precedente

Parco di divertimento abbandonato maledetto diventa set di fiction dove qualche produttore sa qualcosa qualcuno schiatta attore ex prete & giornalista con telecamera con torbido passato. Luci da horror d’autore & vago sentore di sequel.

La puntata inizia sempre nella casa di produzione Devil’s Eye diverse persone intorno a un tavolo parlano dell’inizio delle riprese un tizio entra di corsa nella stanza portando un foglio dove una cosa tipo giudice o tribunale proibisce le riprese in quel posto per i noti fatti che sappiamo sembra che tutto debba finire prima di cominciare ma il giudice schiatta misteriosamente in un incidente tipo final destination ma un po’ meglio e tutto è risolto. ( scena dell’incidente senza audio e in bianco e nero per confondere un po’ le idee e effettazzi vari).

Ritroviamo sempre i producer regista e sceneggiatore seduti intorno al tavolo la scena deve ricordare una specie di seduta spiritica perché alla fine della serie arriviamo lì, prima dell’inizio delle riprese facciamo qualche flashback ma non troppo lungo che se no la gente non capisce e si rompe e ovviamente c’è l’ex prete che in seminario ha delle specie di visioni sul suo futuro e vede l’ingresso del tunnel degli orrori che si illumina che fa sempre il suo effetto ma non dobbiamo svelare tanto del mistero che dobbiamo tirarla un po’ lunga.

Ovviamente in mezzo tra un flashback una seduta spiritica e clip del prete ci sono dei gran momenti di cinema con delle carrellate e piani sequenza a non finire del parco abbandonato maledetto, le visioni e gli spiriti arrivano dopo adesso giusto qualche preview.

Molte sequenze senza dialogo e in bianco e nero soprattutto quelle del passato del parco del divertimento quando funzionava solo qualche flash del giorno dell’incidente, poi arrivano quelli che da fuori vogliono capirci qualcosa ma finiscono abbastanza male ovviamente e nella prima puntata ci sono dei teen gradevolmente sprovveduti che vogliono girare delle scene dentro il parco per pubblicarle te pareva sui socialquelli e qui appaiono per la prima volta quelli che sono i fantasmi e le entità che abitano il parco.

Finiscono come sappiamo ma intanto quasi misteriosamente i loro video finiscono virali attirando nuove schiere di teen che faranno la fila per entrare di nascosto nel parco per poi vagamente rimpiangerlo…

(fine parte II )

HORRORLAND

joyland-gadling

Pilot di serie Horrorland un parco divertimenti abbandonato dove una cosa tipo HBO o Netflix ma con meno pretese vuole girare un serial basato su una storia quasi vera un parco di divertimenti chiuso per incidente dove sono morte tipo 40/50 persone che viene usato come set poi la produzione scopre da un/a medium che sul parco c’è una maledizione ma loro vogliono girare lo stesso perché pensano di risparmiare sugli effetti speciali a ogni puntata muore metà troupe e attori quindi serie tipo su 5 6 puntate  fino a che rimane qualcuno con finale e diverse possibilità di sequel.

PLOT

Interno giorno

Interno ufficio di casa di produzione meeting con regista sceneggiatore produttore della serie Horrorland. La camera zoomma sul trio intento a guardare foto della location parco abbandonato. Le foto scorrono su aipad bianco e nero. No dialoghi. Luci basse.

Interviste con il futuro cast e vari flasback un po’ a cazzo sulle loro vite che ovviamente nascondono qualcosa di torbido che al momento giusto salterà fuori. Uno di loro, che sopravviverà perché la sa lunga, è un attore ex prete che ha preso i voti dopo l’incidente al parco e che dopo ha mollato per un motivo che scopriamo dopo. Lui sa qual è l’origine della maledizione che grava sul parco ma non la rivela a nessuno tanto meno a noi anche perché è l’unico motivo di interesse di tutta la serie ma nel pilot c’è un flashback pure nel futuro per dare una scossa al pilot che se no non ci guarda più nessuno. La produzione, Devil’s Eye, sa ovviamente tutto uno di loro sa anche qualcosa che non sanno gli altri ma che non ci vuole granché per capire almeno spero.

Altre interviste tra cui l’altra che sopravvive, gli altri che schiattano subito hanno meno spazio, che scopriamo che è una giornalista che sta scrivendo quello che spera lo scoop della sua vita e si finge un’attrice per scoprire cosa c’è sotto all’incidente e alla maledizione del parco: ha una telecamera nascosta che i coglioni di tecnici della troupe non riescono a vedere. Abbiamo così un film dentro un film che non è questa idea originale ma ci sta sempre bene perché sembra sempre qualcosa di nuovo e avanguardia e ai teen piace. La cosa quasi nuova è che quando la giornalista rivede quello che ha girato mentre fa finta di fare le prove della scena scopre che il girato risale al periodo dell’incidente quindi al passato e che quindi ovviamente è costretta ad andare avanti per completare lo scoop.

(fine prima parte)