THE TRUTH IS SOMETIMES OUT THERE

edifici-abbandonati-284725

 

 

Interno giorno

Un quasi set di un video tipo virale. La camera zoomma su un paio di cadaveri tipo zombie con T shirt con scritta tipo Expect the unexpected. Teen senza esperienza chattano e commentano rumorosamente fuori dall’inquadratura. Autore horror underground visibilmente infelice con ciak e vago odore di patatine fritte scadute con cocacola sgasata.

Le riprese di The Day with no light sono state qualcosa la ThinkBig ha messo insieme un budget sufficiente per un BigMac ma noi nell’horror underground siamo abituati d’altronde alla think cheap sorry big dicono che sono le idee che smuovono le cose e questi mantra alla Sai Baba ormai li sento da milioni di anni e siamo atterrati con una troupe di tre persone con una specie di cameraman che credo abbia la sindrome di Tourette che si fa chiamare Yoyo e fa ogni tanto un tremendo schiocco con la lingua e sono indeciso se chiamare il mio amico esorcista per vedere se si può fare qualcosa di sicuro avrebbe portato un paio di 5mila W che ce n’è bisogno ma so che non approva molto gli zombie già i vampiri gli stanno sul culo e con lui sono solo possessioni & similia e per le riprese si sono presentati una decina di teen con speranze di set di Twilight o The Walking Dead e gloria e si sono dovuti accontentare di tartine con gelatina radioattiva e patatine del 1975 ma adesso sanno cos’è l’underground.

Uno di loro che credo avesse 15 anni e che voleva sapere se poteva avere una copia del video che voleva usare come provino per entrare a UCLA e gli ho detto che insieme al provino doveva portare anche 50 mila dollari e si è messo a ridere e mi ha detto che lo usano spesso a Studio Aperto dove fa solitamente il tossico o il membro di una baby gang o spesso tutti e due e con queste credenziali come non poteva venire fuori un totale capolavoro ho pensato mentre vedevo i due tizi della ThinkBig scambiarsi commenti su post it in una nuvola di fumo sospetto.

Il set come promesso era un ex mensa aziendale che la scenografa aveva giustamente pensato di lasciare esattamente come era perché dice che questo look dove lo trovi e le chiedo dove avevano trovato lei ma tra un wassap e l’altro dice che con 10 euro di budget il look industriale era perfetto e alla fine dopo che ho svegliato il cameraman e spiegato ai teen la sequenza cioé tutti fermi e zitti iniziamo a girare con luci molto molto basse e il cameraman inizia una danza di zoom e pirouette come per un provino di Amici e gli dico che forse mi potrei accontentare di qualcosa anche sul cavalletto e i teen che non sono abituati allo show biz e al mondo del cinema iniziano a lamentarsi violentemente del trucco pesante e mi chiedono in coro cosa devono fare e dico che i morti non respirano e di concentrarsi almeno su quello mentre continuano a farsi selfie e penso al When I was Dead e se per caso una mensa potrebbe tornare utile…

Annunci

THE DAY WITH NO LIGHT

2011-06-16_113509

Esterno /interno giorno

Un orrido ufficio open space di una quasi nota startup di grande città del nord. Le telecamere zoommano su un gigaschermo che spara immagini in loop a velocità sovrumana. Autori horror underground sullo sfondo e vago odore di cappuccini bruciati.

Ancora negli uffici della ThinkBig il tizio postgiovane trilla che l’idea di Esco sempre di giorno è piaciuta un sacco con questi tizi c’è sempre l’impersonale è piaciuto è andato e che è solo una questione di tempo prima di iniziare a girare e mettere insieme il budget insomma c’è sempre questa nebulosa di mezzo che boh e che comunque gli sarebbe venuta in mente un’altra idea molto easy -ah- da fare molto velocemente per uno scopo che mi sfugge ma alla ThinkBig questo si fa nowhere fast e sarebbe per il 20 del mese una specie di qualcosa che loro chiamano -event- mah visto che c’è una eclisse di sole e quale occasione migliore da sfruttare e ho pensato eh? Ma visto che alla mia banca mi stanno cercando da diversi mesi così come altri diversi tizi sto cercando di pensare positivo e dico che ok si può fare anche se non capisco bene cosacomequando ma ehi.

Chiedo se è possibile avere almeno un tot di persone e il tizio mi guarda come se stesse pensando se costano qualcosa e gli dico che se mette un annuncio in giro diversi svalvolati possono presentarsi senza condizioni e mi dice perché e gli dico che stavo pensando a una cosa tipo che in un giorno di eclisse dove tipo Giove è in opposizione a Venere succede qualcosa come un risveglio di zombie scena un obitorio di grande città e una mascherina gli dico che fa miracoli e sembra non capire bene e si mette a ridere e dico che possiamo chiamarlo The day with no light e dice che forse il tema è più per vampiri che per zombie e gli chiedo quanto sarebbe il budget e dice che ok non è il momento di fare i sofistici gli zombie vanno bene e che la truppa di ggiovani serve per fare gli zombie e i medici che come noi sappiamo finiranno abbastanza male.

Sorrido come un malato mentale in via di quasi guarigione e intanto anche la prima puntata di Ti ho detto Vade Retro aspettata da non so quanto è andata a ramengo ci sono state diverse minacce da gruppi non bene identificati di integralisti cattolici che hanno promesso di appiccare – ancora- fuoco agli studi cosa che sarebbe stata tra l’altro un fantastico lancio ma non so bene come per motivi di sicurezza hanno rimandato la puntata con grande delusione per i fan del gruppo del momento i Jets & Mani che dovevano fare live la loro megahit Una croce è x sempre e si vedrà.

Intanto il tizio mi chiede se per caso l’interno di una mensa potrebbe passare per un obitorio e penso a qualcosa tipo Masterchef Zombie ma boh…