I’M WORST AT WHAT I DO BEST

The-Hollywood-sign-2

Interno giorno

Una orrida villetta a schiera hinterland di grande città del nord. La camera panoramica e stringe su una medium quindicenne in quasi trance. Momenti da Actor’s Studio e luci diffuse.

Il mio amico esorcista dice che questa clip andrà dappertutto solo che dappertutto è stato comprato da youtube e non mi è mai sembrato molto underground utiub e ormai non chiedo nemmeno se ha fatto firmare le liberatorie ma dice che dobbiamo aspettare quando esce dalla trance che non vuole cioé vogliamo perdere il momento la madre della medium dice che questione di attimi ma che comunque torna nel mondo reale per vedere Amici della De Filippi, l’anno scorso ha provato a fare le selezioni perché la sua specialità è entrare in contatto con famose/i cantante/i morti del passato e voleva fare il provino con la voce di Ella Fitzgerald ma a mediaset hanno delle regole ferree e una morale e non appena hanno scoperto che dovevano dare delle royalties hanno chiesto se poteva far cantare la Winehouse ma sembra che sia sempre occupata e così è saltato tutto.

Il problema è che per entrare in contatto ci mette una vita cosa che dà un certo realismo ma il nostro pubblico come gli sponsor di Ti ho detto Vade Retro sono un po’ impazienti e io ho detto che non faccio montaggi voglio tutto in tempo reale solo che continuo a guardare la mail per vedere se è arrivata una risposta da Weinstein per i pitch horror che gli ho spedito mi avevano chiesto tre righe per l’idea e poi venti per il soggetto che è una cosa molto mainstream ma ho sempre pensato che l’horror underground meriti una vera distribuzione oltre che diversi bonifici.

Il mio preferito è Holy Blood, quello del vampiro che fa la parte del prete che fa delle messe in questa chiesa molto molto buia e che viene scoperto da un gruppo di teens che vuole smascherarlo organizzando un finto funerale dove lo vogliono rinchiudere dentro una bara di acciaio solo che il vampiro se ne accorge e li fa diventare dei vampiri chierichetti con delle messe serali che iniziano ad attirare l’attenzione di un altro prete esorcista che vuole liberarsi della comitiva con una finta messa nella sua chiesa.

Io sento che potrebbe essere un vero blockbuster ho anche ovviamente suggerito qualche nome per il cast e soprattutto chi non mettere, niente bradpitt o star di pippe fantasy so che ci tengono alla qualità e sarebbe ora di un vero horror al dolby o al kodak theatre o dove lo fanno.

Per When I was Dead invece sembra che sia un po’ più complicato a Hollywood dicono che devono valutare ma la tizia/o che mi ha scritto dal loro dipartimento dice che stiamo parlando solo di lowbudget, pure lì, e che castelli o cimiteri o fossati non se ne parla neanche in post produzione che sembra ormai che costi di più del vero e che sono benvenuti progetti del tipo una casa due/tre/quattro teens uno/due protagonisti molto buio molti dialoghi molti subplot molti eh-cosa-vuol-dire-questo e cose del genere.

Intanto la teen medium non sembra mostrare segni di trance o di possessioni e il mio amico esorcista è pronto a far partire la voce registrata della De Filippi e voglio dire….

Annunci

FOR YOUR CONSIDERATION

 

 

 

0,,16858497_303,00

 

Interno tipo giorno

Un orrido multisala di periferia di grande città del nord. La camera panoramica inutilmente sulla sala quasi vuota per zoommare su un trio di teen che fanno commenti sui droni in Afghanistan e sull’ultimo libro di Chomsky. Luci in calo e vaga puzza di popcorn scaduto.

 

 

 

Il mio amico tedesco dell’underground mi chiama e dice che al festival di Berlino ha incontrato uno dei Weinstein e sembra che siano molto interessati al nostro horror Stasi quello con gli armadi e gli spiriti dice che da anni vorrebbero buttarsi anche sull’horror e non solo su mattonazzi da oscar con schiavi/camerieri/travestiti e tossici glamour e sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il mio/nostro momento e che l’horror underground avrebbe avuto i suoi tappeti rossi altro che il festival Sangue Alieno solo che non ho capito bene come funziona perché sembra che vogliano avere l’ultima parola sul cast posso passare sul sangue finto o sul castello in bluescreen ma Justin Timberlake come vampiro mai nemmeno a un milione di dollari certo se salgono si può sempre fare una prova.

Il problema è che non ho scritto una vera sceneggiatura ma si vede che lì a Hollywood non sono abituati dicono che il film che funzionano si possono riassumere in tre righe ma anche meno e se mi danno anche santa maria delle grazie con il cenacolo per la scena finale posso passare su tutto in fondo l’hanno mollato pure a clooney e chi siamo noi Sergio Arranca direi di no.

 

Intanto sta diventando sempre più complicato entrare free nei multisala questa volta non volevo usare il trucco dell’incendio perché sembra che la prendano molto male ma questa volta ha funzionato il trucco patetico dell’accredito la tizia al controllo stava aggiornando il suo stato di sfigata totale su ****book ed è bastato un attimo, ma la soddisfazione è durata poco quando ho scoperto che il film era il sequel del terrificante paranormal quello in versione tacos/sudamerica con l’aggiunta di simon che si aggiudica il titolo di miglior attore/ice peccato che sia un gioco elettronico ma dà l’idea del background la cosa buona è che muoiono tutti anche se non come speravo.

 

Intanto il mio amico esorcista dice che ha dei nuovi soggetti per la prossima puntata di Ti ho detto Vade Retro, una tizia che parla latino al contrario e riesce ad emettere zolfo in certe condizioni e mi ha chiesto se c’era uno spazio per lui nel nuovo film con i Weinstein e non capisco come possano dire di no ad un esorcista vero con il vaticano che mi/ci insegue….