UNDERGROUND DIARIES

INTERNO GIORNO

 

Esterno sala orrendo multisala in hinterland grande città del nord. La camera prova a zoommare su un gruppo di teens bolliti che cerca di attirare un minimo di attenzione. Il resto delle comparse si smaterializza nell’ombra. Luci quasi naturali.

 

Il mio amico esorcista mi chiama per dirmi che ci sono dei problemi per la nuova puntata di Ti Ho detto Vade retro, proprio adesso che avevo messo insieme una sigla fantastica, soprattutto con l’urlo finale che vogliodire, ma sembra che per la clip con gli studenti che commentano le forze del male mancano le liberatorie, peccato perché il teen in trance che parla in latino era uno show stopper, cose che da sole ti ripagano di certe frustrazioni.

Anche lo sponsor delle pompe funebri Avanti un altro si sta lamentando, ormai è ossessionato dal mercato dei teenager neanche fosse uno della Apple o della Diesel, gli ho detto che questo comunque è un mercato borderline e ha detto che questo borderline gli piaceva tantissimo e che stava pensando di lanciare una nuova linea mi domando di che cosa.

Sto ancora finendo di leggere le revisioni al mio script di Distant Blood della Vietnam Film Commission sono tipo a pagina trecento, ogni tanto appare dal nulla una specie di monologo che credo nemmeno Godard o Bergman solo che l’azione mi sembra vagamente mortificata e devo chiedere al mio producer se la VFC ha capito che nello script c’è un cimitero vero anche se non so come vengono in pellicola quelli vietnamiti, non credo potremo fare in studio, poi non sarebbe un vero underground e comunque il nostro pubblico ha certe aspettative tipo un vampiro un cimitero qualche croce insomma l’abc che sono cose che fanno di un horror un capolavoro che modestamente ne so qualcosa.

Poi c’è il nuovo sotto-prodotto del tizio della saga dei paranormal qualcosa che ha sempre quel nonsoche, la nuova gemma è su Chernobyl che come set mi ispira una certa invidia underground, ma come è noto gli americani possono tutto e ci sono i soliti post teenager che fanno questo tour per l’europa e comedire perché non-andiamo-a-trovare-a-Kiev tuo fratello, tipo eh? che è una mossa che come sceneggiatore trovo sensazionale, solo che finiscono con un pulmino della mutua nel paesino abbandonato e dopo mezzora sono già schiattati penso se per caso posso far costruire un piccolo villaggio contaminato dal napalm e magari con una gigantografia di Ho Chi Minh che io dico  posso barattare con qualche monologo sulla teoria del domino…

Annunci

ADOLESCENTI FLUORESCENTI

INTERNO GIORNO

 

Un bus di linea di grande città del nord in un’ora indistinta del pomeriggio, al capolinea. Un gruppo di teens reduci da un horror di serie b sottolinea gli highlight del film mentre la camera zoomma su una vecchietta di almeno 95 anni agonizzante dal caldo che chiede inutilmente soccorso sotto lo sguardo incuriosito dei ggiovani. Soggettiva dell’autista e particolare dello specchio retrovisore. Partenza dell’autobus e titoli.

 

Il postino, o probabilmente una spia della Cia e/o del vaticano, mi consegna un altro pacco marrone di almeno 5 kg spedito dalla Vietnam Film Commission che ammetto che comincio ad ammirare smodatamente dove c’è la revisione no più di una revisione allo script di Distant Blood oltretutto in tre lingue pure in viet e francese che aggiunge quella nota internazionale underground che vogliodire. Il responsabile credo della selezione dei film per la Vietnam Film Commission Tran Thin Thoung mi dice che sono tutti molto contenti di iniziare questa collaborazione con dei famosi cineasti europei impegnati, penso abbia fatto colpa la rassegna che abbiamo fatto qualche anno fa sugli horror thai degli anni 50 quella dove dovevamo chiudere le porte della sala dopo l’inizio della proiezione , un grande successo, MA che il pubblico delle sale vietnamite etc etc e ci sono credo almeno 50 pagine di credo propaganda e ho dato anche un occhio al monologo iniziale del vampiro che si sveglia dopo un sonno di 500 anni e nella revisione che hanno spedito ci sono degli accenni a certe compagnie petrolifere americane e all’agente orange e ho l’impressione che al montaggio ci saranno dei problemi, sempre se me lo faranno fare il montaggio. Il mio producer mi twitta che è ok e che ha parlato con il tizio della VFC e che certe barriere ideologiche sono superabili basta dire sempre di sì e non firmare tutto quello che ti chiedono.

Poi per la nuova puntata di Ti ho detto Vade Retro penso che il pezzo forte sarà il pezzo che abbiamo registrato un mese fa in una scuola dove il mio amico esorcista spiegava ai giovani che il maligno era anzi è tra noi, soprattutto tra loro che vogliodire e c’è il pezzo dove questo teen che chiede se può fare una dimostrazione pratica di un esorcismo e c’è questo coro fan tas ti co con la classe che ripete in latino la formula di mi sembra san tommaso contro il principe delle tenebre e il teen che cade in trance con la schiuma alla bocca e devo ricordarmi di chiedergli se ha il passaporto e dei problemi con l’umidità e se per quest’estate è interessato a un certo horror underground, prossimante su tutti o quasi gli schermi del pianeta…

 

SAVE -SOME-CHILDREN

E(S)TERNO GIORNO

 

Una strada semicentrale di grande città del nord. Le comparse affollano l’entrata di un negozio di elettronica, la camera zoomma su due teenager che sgomitano per avere la precedenza mentre un’altra camera panoramica sulla vetrina e poi zoomma sulla t shirt di una comparsa con la scritta We want some more. Luci assolutamente artificiali.

 

Lo sponsor di Ti ho detto Vade Retro, quello delle pompe funebri Avanti un Altro mi ha lasciato il nuovo spot da mettere dentro la trasmissione e mi chiede se posso pensare qualcosa per il target giovane, anche teenager e gli dico che non so non ho mai fatto marketing ma mi sembra che a meno che nelle bare non mettano ipad e video la vedo dura conquistarli, forse con fiorello o linus testimonial ci sono speranze ma credo che ci vorrà un budget comedire più consistente.

Mi è arrivato anche un pacco dalla Vietnam Film Commission che dovrebbe essere un questionario, solo che sembra la versione light del Capitale di Marx mi chiedono se per favore posso aggiungere dei dati supplementari sulla sceneggiatura di Distant Blood e una piccola serie di obblighi per la produzione tra cui la scelta del casting che deve essere -sottolineato- tutto vietnamita e una liberatoria che sembra più una minaccia che se mi/ci succede qualcosa il film sarà comunque ri/montato e distribuito per il mercato interno cosa che mi sembra comunque molto underground. Il mio producer mi twitta e dice che queste cose lì sono normali io gli vorrei scrivere che mi dispiace veramente per My Lay e Dien Phien Phu ma che sono passati tanti anni e che questo film sarebbe una fantastica pubblicità per loro che dico che ne avrebbero veramente bisogno che neanche dico Oliver Stone in tutta la sua vita ma il mio producer dice che su certe cose sono ancora un po’ rigidini e mi chiede se ho dei problemi con l’umidità e un certo tipo di zanzara abbastanza aggressiva vista che giriamo nella stagione delle piogge, penso a Coppola e Apocalypse Now e spero che almeno ci diano qualche migliaio di comparse perché ho sempre sognato di fare una scena di massa che dico che spesso nell’underground mancano.

Intanto il mio amico esorcista dice che per la prossima puntata abbiamo il più famoso esorcista vivente, almeno crede che sia vivente, e che risponderà a domande live e su chat e penso che menomale che c’è perché mi era rimasto solo il dibattito se riammettere o no Plutone come pianeta nel sistema solare e se per caso c’entrasse qualcosa con la presenza del maligno…

I SEE NO EVIL

 

INTERNO GIORNO

 

Uno studio quasi televisivo nel retro di un negozio di articoli religiosi. Camera a mano con panoramica , due tecnici stanno cercando di montare un enorme schermo led , zoommata su un tizio sinistramente vestito di nero che osserva la scena mormorando un’oscura litania. Luci di penombra.

 

Il mio amico esorcista mi ha detto che per Ti ho detto Vade Retro abbiamo bisogno di aiuto e ho pensato mah ma mi ha detto che non devo preoccuparmi per i testi cosa che io mai ma dice che è solo una specie di consulenza tipo tecnica e sono sicuro che il tizio è una specie di spia del vaticano e che siamo stati scoperti anche se non c’era proprio niente da scoprire e che questo somiglia proprio a un corvo.

Il tizio mi saluta con una specie di grugnito e dice che è un tecnico che lavora soprattutto nel teatro ragazzi e se fossimo in un serial squallido americano adesso ci sarebbe la scena dove la spia guarda i nostri dossier e la mia filmografia e partirebbe la sigla e io credo dovrei essere protagonista, anzi credo la vera star e Seppelliscimi Ancora sarebbe in testa al box office per dico tre o quattro mesi, con l’opzione in 3d.

Il mio amico esorcista sorride e mi chiede se voglio dare un occhio al girato della settimana scorsa con le scene di massa e vedo che il tizio fa finta di non essere interessato e andiamo in una saletta che sarebbe quella del montaggio guardandomi spesso indietro e gli chiedo se per caso quando telefona non sente un ronzio o un respiro pesante ma dice che il tizio è ok e che possiamo fidarci.

Guardiamo dei pezzi del girato che dovrei montare per metterlo in Ti ho detto Vade Retro e penso alla musica da aggiungere che dovrebbe aiutare a confondere un po’ le idee, c’è una scena buona con il teenager che alla domanda se c’è il maligno tra di noi guarda la camera fisso per venti secondi che dico che dovremmo invitarlo alla diretta che sarebbe un boom.

Intanto il mio amico producer mi twitta che la Vietnam Film Commission vuole che gli mandi lo script di Distant Blood tradotto in Viet e che se per caso sono contrario a una ventina di minuti dentro al film di una soggettiva di un vietcong e penso a come potrei montarla e a quanto potrei chiedere per il budget effetti speciali, tipo molto speciali….

PAPARADE

ESTERNO GIORNO

 

Una pista di aeroporto in zona hinterland di grande città del nord. Le comparse, circa un milione, sciamano incontrollate nell’enorme spazio, il dolly panoramica un po’ a vanvera, il regista urla con il megafono alle comparse che è l’ultimo ciak. Il direttore della fotografia osserva infelice il set. Luci sacre.

 

Il mio amico esorcista mi chiama e dice che comunque dobbiamo provare penso che sia ancora convinto che il papa ci darà l’intervista esclusiva per Ti Ho detto Vade retro poi dice che questa occasione bisogna sfruttarla e che dove li troviamo una quantità di invasati del genere e dico che forse e alla fine ci troviamo in questo raduno un po’ Woodstock un po’ Salem e il mio amico dice che questo girato può tornarci utile per almeno tre o quattro puntate io ho paura che il servizio segreto del vaticano ci possa trovare visto che siamo di sicuro sulla lista nera e dico che se usano la tortura io parlo subito, potrebbero anche estorcermi tutto il plot del mio nuovo capolavoro Stopped Dead che vogliodire,ma lui dice di non preoccuparmi che il nostro travestimento è a prova di CSI Vatican e penso che una t shirt di Laura Pausini non è che ma procediamo con la camera.

Effettivamente sembra di essere in una puntata di walkingdead, tutti si guardano intorno e cantano e guardano il palco e il cielo tipo Fatima e vedendo la camera ci chiedono che tv e io dico qualcosa tipo raisanto e alcuni dicono eh ma dico che è un canale nuovo tipo sperimentale molto sperimentale, gli dico comunque di non esagerare con la luce che siamo all’aperto lui dice che comuqnue l’hd ha bisogno di luce, le interviste vanno bene solo che la maggior parte della gente tranne alcuni teenager ci guarda con sospetto quando il mio amico gli dice che il maligno è tra noi e che dobbiamo fare qualcosa e quasi tutti dicono che comunque presto ci saranno le elezioni e non sempre capiscono che stiamo parlando dell’altro maligno ma comunque lasciamo la mail e il numero della nostra trasmissione caso mai volessero partecipare live a una puntata sulle possessioni e se per caso hanno del materiale che possiamo usare anche del fatto-in-casa che io devo dire la verità preferisco sempre.

Alla fine giriamo almeno quattro ore che sarebbe dell’ottimo materiale se non fosse tutto da buttare, abbiamo anche seminato del tizi vestiti di scuro che volevano farci delle domande e il mio producer mi twitta da Phan Tiet che il Vietnam Film Commission è entusiasta dell’idea di Distant Blood e che ci daranno quasi tutto quello che vogliamo per il film solo che ci chiedono se possiamo mettere in mezzo una clip si Ho Chi Min di venti minuti e gli chiedo se deve essere in vietnamita o possiamo dare anche noi dei suggerimenti…