LAST

Esterno giorno

Un locale di una indistinta zona hinterland di grande città del nord. La camera panoramica sulle pareti nere, zoom sul bar incastrato in un puzzle di luci fluo e la scritta ManiA: senso di depressione e luci assolutamente artificiali.

 

Nell’underground la parola -prove- è come la parola – bonifico- cioé non-pervenuta. Questo club è peggio di quello che pensavo e nell’underground di solito non c’è il peggio, è una categoria che è stata abolita, il tizio mi fa vedere il locale come se fosse un’ala segreta del louvre con cose come le braccia della nike o le amiche della monnalisa che leo ha tolto nella versione definitiva. É tutto il giorno che penso a WIWD e ai prossimi giorni di ripresa, i permessi per il cimitero e se abbiamo non dico il fossato o il ponte levatoio, la carrozza anche, ma un castello decente, non dico hogwarts ma almeno qualcosa che non sembri darioargento, penso che farò molti primi piani, anche la tizia è una fan dei primi piani, dice sempre la scena dello specchio, lo specchio ce l’abbiamo, aspettiamo i cinquecento che ci ha promesso, il mio producer è disperso in questi giorni, spero non sia andato in Corea Nord in questi giorni diceva che si potevano girare queste fantastiche scene di massa dal vero, ma non so se a Pyongyang sanno dell’horror underground e dubito che vedendo Seppelliscimi Ancora o Battito Assente qualcuno del governo potrebbe proprio capire anche se si potrebbe chiedere se sono interessati a finanziarci qui da noi, ma non penso che ce l’abbia fatta anche perché credo che la sua foto ormai sia in tutti gli aeroporti, penso a quanto dobbiamo rimanere underground per diventare mainstream e se per caso non ci siamo confusi e se ci fossimo confusi l’importante è che ne venga fuori una fiction non dico mediaset ma almeno sky, io dico qualcosa meglio di walkindead e trublood la so fare, anche la tizia dice che è ora di un ritorno a queste atmosfere e questi castelli e questi vampiri con acquasanta & croci, anche perché i vampiri comunque la giri sono cattolici e potremmo avere anche qualcosa non so da CL, adesso che devono diversificare gli investimenti, so che la tizia è un po’ troppo sull’aspetto estetico della cosa, questi vampiri dolcegabbana, io sono sul realismo, sul travaglio interiore, la lotta mostro/mostro del vampiro e poi forse dovremmo prendere qualcuno come stagista, lo stagista è il nuovo lavoro del millennio, stagisti underground, non so come si fa a fare senza.

Il tizio della disco mi guarda come se mi stesse mostrando la vera sindone e mi chiede se il rogo va bene lì in mezzo e cosa voglio usare per le fiamme e il fumo e uff, lo so adesso mi tocca ancora raccontare di come funzionano le cose nell’underground….

Stop underground

Annunci

SI AVVISA LA GENTILE CLIENTELA

ESTERNO GIORNO


Torre di castello underground

ESTERNO GIORNO

Pianura di regione del nord,strada di campagna semi-deserta.La camera zoomma su palazzo pre industriale post qualcosa in semi/totale rovina.Una coppia di comparse scivola via in bicicletta mormorando sottovoce un’antica maledizione in latino. Luci tipo apocalipsenow, realistiche.

Cammino per cercare ispirazione e nell’underground si fa sempre così,a Hollywood probabilmente camminano per tipo santamonicabeach o qualcosa, ma il mare e le palme non mi sembrano molto underground così mi adatto. Sta arrivando la festa fine anno e no! ma mi hanno chiesto qualche idea per il solito -evento- fine anno e l’annoscorso avevo detto che era l’ultima volta, come christiane f, perché ok che siamo nell’underground ma anche questo ha una dignità, una dignità comunque con scarsa rendita.

La tizia che boh dovrebbe lanciarci nel mainstream con When I was Dead mi ha scritto che in questi giorni ci farà sapere sui cinquecento che avevamo chiesto e comunque dice che lo script le piace moltissimo e che giura che non vede l’ora di sapere come va a finire anche se non ho capito a cosa si riferisce. Poi c’è anche il casting per il vampiro, abbiamo la posseduta e il prete anche se non ho chiesto alla posseduta se ha problemi con le alte, molto alte temperature visto che avevo pensato a questo fantastico rogo, anche il mio amico prete/esorcista dice di non vedere l’ora e se può venire alle riprese anche se ho paura che abbia preso la cosa molto sul letterale, mah. Poi mi ha detto che per l’anno nuovo c’è un esorcismo che deve fare, anche se sembra non sia proprio un esorcismo vero ma tipo prova per vedere se sei un posseduto ok o solo un altro TSO: mi domando com’è la prova.

Per l’evento avevo qualche idea, stanotte ho visto un film inglese su un esorcismo che vogliodire, continuavano a bere tè e potare siepi, la posseduta somigliava moltissimo a una delle spicegirls e l’unica cosa che poteva fare alla fine, cioé schiattare di morte violenta, non la fa.

Poi ho visto un classico Kind hearts and coronets ma niente ispirazione.

I tizi dell’evento mi hanno chiamato e lì per lì l’unica cosa che mi è venuta in mente è stata quella del rogo e ho sentito un’eco di ammirazione underground e ho pensato a Cannes e a vari red carpet.

Poi arriva anche la chiamata del mio producer che dice che un centro commerciale vuole fare gli auguri ai loro clienti in modo originale e che vorrebbero mandare in loop nella zona video, tipo invece della clerici o della parodi che cucinano arrosti, un paio dei nostri trailer che è quello che vogliono tutti dall’underground, qualche minuto e non di più per non provocare dipendenza penso….


IT WAS A DARK AND STORMY NIGHT

NTERNO GIORNO

Una seminota casa di produzione underground, una tizia sta parlando al telefono e ipaddando a velocità stupefacente, la camera zoomma su una serie di foto che danzano sullo schermo di un pc, poi panoramica sul resto della stanza, le solite locandine di film horror di ieri, oggi, domani. Luci pericolosamente naturali.

Ho un leggero dolore alla gamba, ieri in un altro sopralluogo nel solito castello in semirovina sono finito in una buca tipo canyon e di solito negli horror ma solo quelli di serie b se finisci in una buca saltano fuori lapidi e scheletri tipo gardaland, qui ho trovato solo della monnezza del 1984, probabilmente, c’era anche un  corrieredellasera  con un titolo come -Il meglio deve ancora venire- che altro che horror.Il mio producer dice che forse con il mio castello che volevo non si può, ci sono problemi con i permessi, anche se non mi risulta ne abbiamo mai chiesto uno per i nostri horror underground e anche la mia scena con la carrozza e la sala ci dobbiamo inventare qualcosa, e che comunque la scena dello specchio è ok, anche la tizia è uscita fuori di testa, letteralmente, per lo specchio, il vampiro che si specchia in questo quasi enorme specchio e non riesce a vedersi e la scena dei due attori che mettono in scena la vita del vampiro che dice le sono venuti i brividi solo che mi chiedo senza castello o carrozza cosa rimane.

La tizia sta guardando le foto dei sopralluoghi come se fossero le foto delle vacanze a Ibiza e sto iniziando a farmi delle domande.Il mio producer dice una parola  come -potenzialità- e la tizia lo guarda come se avesse detto -assegno scoperto-, tutti pensano che chi è nell’horror underground giri con due porte che si chiudono e un lampadario che oscilla. Stiamo seduti attorno a questo tavolo come una seduta spiritica, solo che stiamo tentando di evocare un demone molto temuto chiamato €uro; ci guardiamo come se qualcuno avesse interrotto la catena e la tizia come se mi/ci avesse letto nel pensiero dice che se ci sono dei problemi con il castello si può girare la scena del palco, così la chiama, e poi inventarsi qualcosa, e metterci dentro lo specchio che dice che è una cosa, che fenomenale che comunque lei conosce dei tizi che hanno questo teatro parrocchiale che dice che è E-NORME e che dopo la recita di Natale è libero che se vogliamo, basta non rompere niente. L’idea della parrocchia non mi dispiace, guardo il mio producer che sta pensando ancora a cuba e sto pensando che di solito in queste parrocchie c’è disponibilità di preti e pure suore, magari ci scappa pure una cripta e dico alla tizia che ci penso e di informarsi se questi tizi della sala parrocchia hanno un crocifisso abbastanza grande che può veramente tornare comodo.

Castello quasi abitato

WONDERLAND

INTERNO NON PRECISATO

Una stanza, un mac acceso orlato da una cornice di post it colorati. La camera zoomma su una collezione di racconti sui vampiri aperta a metà, in sottofondo Dies Irae. Luci naturali, filtro 201.

Qualche sopralluogo, cose come location, nel mondo dell’horror underground è incredibile come tutto può diventare una location, sullo script c’è sempre qualche spazio per fabbriche abbandonate e cimiteri.Mi stavo chiedendo se esistono cimiteri abbandonati e se sono come le chiese, devo chiederlo al mio amico esorcista che è pure prete, gli ho chiesto se fa anche le messe, battesimi, funerali e dice che le messe non si usano più tanto ma che con i funerali ha certe soddisfazioni che i matrimoni non danno proprio.Sembra tra l’altro che abbia un certo seguito e non faccio fatica a capire perché. Mi ha anche mandato una mail con la foto della chiesa da vedere per When I was dead e che appena risolve il caso dell’infermiera posseduta mi ci porta e penso che non vedo l’ora. Ho solo il problema che non avendo assicurazione, libretto & patente avrei qualche problema a fare sopralluoghi underground,ma comedire  non posso fare a meno di qualche brivido: per esempio con l’auto del mio producer c’è questa cosa interessante che le luci di pericolo rimangono sempre accese e quel vago odore di benzina aggiunge un nonsochè. Poi dice che per adesso dobbiamo concentrarci su When I was Dead che sente che è la svolta, nell’underground è tutto una svolta,che la tizia è sulla nostra lunghezza d’onda che anche lei dice che questi piccoli mondi di vampiri griffati e demoni tipo modelli dolcigabbana hanno fatto il loro tempo e che questo è il momento giusto per cimiteri, preti e acquasanta, con qualche aggiornamento,qualche. Sì è vero, la tizia è con noi al qualcosa %  solo che ha bisogno di un piccolo teaser, o come lo chiamano, per far vedere ai pezzi grossi che anche l’underground può diventare mainstream e il mainstream underground, lo dice anche il mio amico esorcista, tutti hanno pensato che l’ultima possessione che ha ripreso fosse leggermente tarocca, sembrava troppo realistica.C’è sempre questa cosa seccante del budget zero, ma non tutti capiscono che l’horror underground non è solo un gessetto per disegnare il pentacolo e tre lapidi, è molto di più, è ricerca, e tu non vuoi pagare i ricercatori, dico, mi domando.Oltre la location c’è il problema del casting del vampiro, possiamo contare su diverse possedute, un esorcista che fa anche il prete autentico al quasi 100%, ma il vampiro ci manca, il mio producer ha già messo l’annuncio e aspettiamo con ansia. L’ultimo  è scomparso con l’abito di scena che vogliodire.Stavo anche guardando queste foto di un parco di divertimenti mai finito in Cina, Wonderland, che dico è fantastico e ho spedito una mail all’ambasciata cinese se per caso ci fosse la possibilità di girare qualche sequenza e usarla come location e se per caso fossero interessati al mondo dell’horror underground che so che loro qualche soldo da spendere ce l’hanno…

RETRORAMA

ESTERNO NEBBIA

Una seminota casa di produzione underground.Interno stanza, carrellata su persone al telefono che sembrano litigare con una persona immaginaria. La camera cerca di zoommare su un quasi noto regista/sceneggiatore underground, inutilmente.Luci spaventosamente naturali.

Credo sia un’ora imprecisata della giornata, per la strada ho fatto un casting interessante di espressioni tipo ottoemezzo sto pensando alla serie o a quello che dovrebbe essere, ma la parola d’ordine sarà solo una, realismo, dico su questa  non cedo, credo.La solita tizia che ho dimenticato il nome appena l’ha detto mi saluta mentre è al telefono, il mio producer sembra uscito da un ciclo violento di centrifuga, ma nello sciò biz e nello sciobiz underground questo look è obbligatorio, voglio dire mica siamo su un serial di sky.Stanotte/stamattina ho intravisto un docu sull’Isola di Pasqua e dico al mio producer che si potrebbe e fa questo sguardo da nonproprio e penso alla mia nuova serie When I was dead e a un mondo di possibilità che si apre.La tizia finisce la telefonata e dice ok, io sto fissando la mia locandina di Seppelliscimi Ancora e penso a un formato tipo 16mx12m e al colpo d’occhio, tipo anche a diversi chilometri e se a Cannes hanno locandine di una certa grandezza.La tizia con quel suo ghigno da Cheshire Cat dice ancora ok, anch’io penso ok, e dice che è veramente ora di iniziare, anch’io penso ora di, e che comunque prima di iniziare sarebbe meglio fare una chiacchierata, penso sì alla fine è l’unica cosa che si fa nell’horror underground, tantetante chiacchierate. Le chiedo se ha letto i miei appunti sulla serie e quello sulla puntata pilota che dico comunque dovrà essere molto d’impatto e ha questa faccia da noncredo ma dice che per adesso concentriamoci e sì, e la parola d’ordine dovrà essere -retro-. Ci guardiamo come se fossimo a una seduta spiritica e penso che la seduta spiritica non l’ho ancora sfruttata, il mio producer dice ok, io dico ok, la tizia dice ok ok mentre sto cercando di capire, la tizia inizia il solito spiegone , si è presa anche qualche appunto e attacca che la mia idea originale di When I was dead di raccontare la storia di un vampiro attraverso gli occhi di un suo “amico” è veramente interessante, solo che non credo la tizia abbia capito che è un espediente tipo Alice B.Toklas , e che è vero che questi vampiri griffati sono per teenager decerebrati e non che non siano il nostro pubblico ma che ci vuole anche qualcosa d’altro e vede più una cosa tipo Le Relazioni Pericolose o Amadeus come modello e penso oh! e a cose come candelabri, segrete e specchi, specchi dappertutto e il vampiro che vuole disperatamente vedere la sua immagine, dice che cazzo sono così figo se alla fine non posso vedermi.La nostra seduta cede a una risatina e penso se a Zara o H&M vendono completi da vampiro del seicento e penso -improbabile-.

2 b continued . Segui la storia nella pagina ” WHEN I WAS DEAD”

ALMOST FAMOUS

ESTERNO GIORNO

Il set è una discarica di auto usate, periferia di grande città del nord. Si gira il video-clip di un quasi-semi noto gruppo di post punk elettro-folk  A- Steroid(s) .La camera cerca di zoommare da qualche parte cercando qualche motivo di interesse.Luci vagamente innaturali.

Credo che siano le 8 di una parte imprecisata della giornata che non ha un particolare significato, almeno per me, c’è anche luce, naturale, molto naturale, ho solo ricevuto un tweet con l’indirizzo e ho pensato che fosse il mio producer, che ha scoperto che Twitter è l’unico modo per comunicare nello sho biz e pure nell’underground.
Avevo già considerato l’idea di usare come location la discarica di auto, ma ho sempre pensato che la discarica fosse da b movie e noi siamo underground che vuole dire che abbiamo una certa dignità, vogliodire.
Quando arriva il mio producer dice il gruppo non ha un’idea, dico che nemmeno io ho un’idea,chiedo se posso almeno sentire un pezzo per avere un’idea, lui dice che meglio no che deve sembrare molto grezzo e dico che qualsiasi cosa salterà fuori sarà moolto grezzo e dice che ok, i tizi del gruppo sanno che siamo i meglio dell’horror underground e che vorrebbero qualcosa tipo loro truccati da zombie che a un certo punto esplodono e dico che per il loro bene sarebbe ok se si fossero molto molto poco in camera e hanno questo sguardo da boh! e dico che i videoclip nell’underground sono tutti così e lo posso dire visto che non ne ho girato neanche uno.
Mentre facciamo finta di metterci d’accordo sulle riprese il mio producer dice che la mia idea di Mr Z, quella sullo zombie che lavora nel cinema horror come zombie, ma in chiave ironica ha avuto un certo successo, mi chiede se mi ricordo quella tizia che lavorava per quelli e dico comeno, era quella che diceva che fondamentalmente la gente vuole ridere, anche quando vede questo teen-splatter-horror e che puoi essere un medium/demone/vampiro/zombie ma alla fine anche loro si sposano e fanno mutui, dico che sì vagamente, mi ricordo.
Mi chiedo che fine farà l’horror underground, anche se alla fine credo non sia mai iniziato o forse sarà ricordato solo come l’avanguardia perché alla fine siamo avanti di anni e anni e tra poco, forse tra un po’, forse un bel po’, Battito Assente e Non esco di giorno saranno dei classici, dico pure con la serie in tv, solo che dubito vedrò mai delle royalties ma quando c’è la fama dico cosa vuoi.
Gli A-Steroid s che nel frattempo hanno fatto una specie di sound check come se fossero a un concerto alla Brixton Academy ci chiedono cosa stiamo aspettando e dico quelli degli effetti speciali e chiedo al mio producer come farmi sparire da lì, senza post produzione…