ABANDON

vlcsnap-2011-12-24-18h22m38s0

Ovvio Interno giorno

Un appartamento di semicentro di grande città del nord. La camera zoomma su un quasi notissimo autore horror underground e su centinaia di fogli e appunti sparsi per tutte le stanze. Vago odore di patatine e coca cola sgasata. Luci seminaturali.

La solita tizia di Netflix mi chiama per sapere come va non mi ricordo dove e se ci siamo lasciati e le dico non mi ricordo e le dico che forse era Black Twins i gemelli con la maledizione dei genitori e sento uno strano silenzio e mi chiede se in questi tempi calamitosi avevo per loro qualche idea visto che hanno bisogno di aggiungere qualcosa alla loro scarsa/issima lista di horror di qualche valore e mi chiede se per caso farei una chat video call con altri producer e dico sì certo e già ho una visione di teen rinchiusi nelle loro stanze e camera fissa e mi dice di aspettare un attimo che organizzano la cosa intanto mi metto a cercare qualche vecchio spunto lasciato come al solito indietro e mi viene in mente quella volta che ho lasciato una camera fissa in tre o quattro cimiteri che volevo usare come sequenza iniziale per il director final cut del mio capolavoro Seppelliscimi Ancora che poi non ho usato non mi ricordo perché e che penso che potrei usare con la nuova sceneggiatura che sto scrivendo che sarebbe Abandon sulla maledizione che cade sui cimiteri che vengono abbandonati.

Mentre sento che un altro capolavoro horror underground sta nascendo la tizia mi richiama chiedendomi di collegarmi con Skype che non sapevo che funzionasse ancora e sullo schermo appaiono due quadrati con immagini molto disturbate cosa che mi ricorda molto Zombie di Romero quello del centro commerciale e sento solo un audio singhiozzante e la tizia mi dice se sento e/o vedo e dico non proprio e mi dice che in collegamento c’è un suo collega anche lui ovviamente ammiratore dell’horror underground che ad un certo punto sento tipo voce oltretomba che mi dice che vogliono fare una nuova serie da lanciare in questi mesi e che vista la situazione di emergenza hanno già approntato uno studio particolare dove girare e se ovviamente avevo qualche idea perché sarebbero proprio interessati solo che dovevo tenere conto delle limitazioni e dei vincoli come se l’horror underground ne potesse avere. Dico che ho diverse idee e che Netflix visto che è sempre all’avanguardia sarebbe la prima a proporre in anteprima una serie che sarebbe solo un’introduzione ad un’altra che svilupperebbe poi in pieno e sento un silenzio preoccupante che non so se è tecnico visto che non vedo nessuna faccia e continuo illustrando brevemente il mio pitch di Abandon dove diversi preti di una zona di campagna si chiamano freneticamente in questi giorni visto che come ben sanno quando i cimiteri vengono abbandonati i morti tendono ad essere inquieti e fare cose che comedire disturberebbero un po’ i viventi e si mettono d’accordo per entrare a turno ovviamente di nascosto nei cimiteri per fare quel rito che loro sanno per tenere i morti dove stanno. Dico che ho dell’ottimo girato dal vero sui cimiteri e che montato ad arte e con sequenze da interno ne può venire fuori come niente una serie da 5 che dico 10 puntate su Netflix e poi sarebbe solo l’anteprima della vera serie che ho in mente e che rivoluzionerebbe tutta la storia dell’horror. Ad un certo punto sento che il collegamento cade e la tizia mi richiama dicendo che ci sono stati dei problemi tecnici e dico sì, da tutta la vita…

BLACK TWINS

Schermata 2020-01-03 alle 20.03.33

Esterno giorno

Un orrido parcheggio semiperiferia grande città del nord. Una leggenda della scena horror underground al telefono cammina in cerchio. La camera zoomma su un edificio anonimo. Luci invernali e vaga puzza di gasolio.

La lunga love/hate story con Netflix sembra non finire mai ma forse dopo mesi & anni di corteggiamenti e inseguimenti ma quasi cioé sempre a senso unico questa sembra essere la volta buona, la tizia credo sia una tizia dalla voce boh dice che da un recente sondaggio tra i loro abbonati sembra che siano molto delusi dall’offerta e non faccio fatica a crederci e sentono non so ma qualcuno sente il bisogno di un film all’altezza dei grandi classici e non tipo della solita serie di dieci puntate che non va da nessuna parte e dico ovviamente che non posso non essere d’accordo e d’altra parte l’horror underground è qui per risolvere questo tipo di drammi e chi se non l’autore di modestamente assoluti capolavori come Non esco di giorno e Seppelliscimi ancora potrebbe non correre in aiuto di Netflix o chiunque altro ne senta la necessità.

Non credo di essere nella sede Netflix perché non so se hanno una sede in Italia ma l’ufficio semivuoto e con un vago sentore di vaniglia non sembra molto glamour ma la tizia che sembra uscita da un’agenzia interinale dice che adesso è cioé sono pronti ad ascoltare un pitch per una storia molto molto forte e direi che ci siamo perché io con la collaborazione del mio amico esorcista avevamo messo giù questo fantastico soggetto e la tizia mi chiede dov’è adesso questo mio amico e le dico che è una lunga storia ma la storia in breve sarebbe questa: una coppia di gemelli scopre dopo che una serie di varie disgrazie li ha accompagnati per tutta la vita che a causa di un oscuro rito fatto dai genitori dei loro genitori si portano dietro una maledizione che non credo possa esistere una peggio vale a dire hanno osato sfidare il principe delle tenebre in persona.

La tizia ha questo sguardo da non-ci-credo ma deve arrivare ancora il pezzo forte quando le dico che i due gemelli scoprono che esiste una forza maligna nata prima della storia del tempo, la definizione mi è venuta così ma devo dire che fa effetto, che ha sfidato e vinto il maligno ma che poi si è ovviamente misteriosamente inabissata ma che adesso vuole ritornare ad essere protagonista. L’inizio è una dozzina di teen in cerchio batte i pugni per terra anche perché la vedo come un Twilight un po’ più nero e una luce accecante e…

ENDSOMMER

white cathedral interior

Photo by Immortal shots on Pexels.com

INTERNO INDEFINITO

Un ex celebre autore horror underground. Camera a mano. Panoramica su città indefinita est Europa. Luci casuali.

La tizia di Netflix mi guarda come se non mi avesse mai visto, in realtà avrebbe ragione visto che l’ultima volta non ho parlato con lei almeno credo ma ultimamente dopo il mio soggiorno forzato in Ucraina sono diventato vagamente paranoico e mi chiede se è tutto vero e le chiedo se c’è differenza e sembra che stia per riflettere su questo concetto ma visto che va oltre la sue possibilità mi chiede se possiamo fare un flashback per aiutarla a capire qualcosa. Un anno fa il mio amico esorcista mi manda una mail dicendo che ha trovato un caso assolutamente straordinario in un paese dell’est Europa materiale che finalmente gli/ci farà fare una svolta non so in che direzione ma si tratta di una possessione di una persona che sarebbe già morta da qualche mese solo che è obbligato ad andare da solo perché la località precisa è assolutamente segreta anche se la sanno tutti , solo che dopo due messaggi di natura sospetta – aiuto- e – vieni a prendermi- decido che è tempo di recuperare il mio amico e pure il girato che non sarebbe male. Dico alla tizia di Netflix che c’è materiale per un docufilm horror o solo film dipende e se mi anticipano le spese solo che mi dice che i loro avvocati sconsigliano la cosa perché temono di essere collegati ad una vicenda -un po’problematica- ma che possono darmi in via non-ufficiale una certa somma che copra la trasferta solo che vogliono al più presto del materiale per vedere se è realmente possibile tirarci fuori qualcosa. Ammetto che la cosa del realismo è ancora difficile da comprendere per le nuove generazioni, ma decido di partire lo stesso: le istruzioni per arrivare alla destinazione sono in diverse stazioni lungo il percorso e solo raccogliendole tutte posso avere l’esatto luogo e penso che solo questa parte vale tre puntate del serial che avevo in mente altro che Stranger Things. Il trasporto pubblico in Ucraina ha qualcosa di rivedibile come dire e ci metto una settimana solo per arrivare al primo messaggio: con qualche flashback e qualche inserto possiamo arrivare tranquillamente ai 45 min. ( end part I)

PARANORMAL INACTIVITY

Esterno incerto

Un orrido ufficio di semiperiferia di nota città del nord. La camera zoomma su un quasi noto e particolarmente ricercato autore horror underground e panoramica su tre personaggi secondari. Luci incerte e vaga puzza di pizza scaduta e gas di scarico.

Il mio amico esorcista credo sia sparito nel senso di oltre il tempo max di sparizione che lui di solito si concede questa volta era partito , letteralmente, per questa coppia di gemelle che posseduti diventavano gemelli che devo ammettere era una cosa che non avevo mai sentito solo che stavano in credo Ucraina o Bielorussia che vogliodire non è il massimo per una trasferta ma diceva di avere dei contatti con dei locali che assicuravano la quasi autenticità della cosa solo che dopo una clip che mi aveva spedito particolarmente promettente è sparito completamente dai radar e pure da un possibile contratto con Netflix che quando ha visto il girato stava per finalmente mettere mano al portafoglio cosa che non è così scontata da quelle parti.

Il problema è che io sono l’ultimo che ha ricevuto notizie da lui e come succede in qualsiasi film l’ultimo che sa qualcosa di qualcuno che è sparito deve subire una specie di interrogatorio che onestamente immaginavo più glamour ma non si può chiedere troppo alla realtà e questi tizi ovviamente non hanno la benché minima idea di come funzionino le cose nell’horror underground cosa che di tanto in tanto anch’io ignoro ma la cosa si stava rivelando mediamente interessante quando qualcuno di loro ha suggerito che una delle mie ultime produzioni Il buio di giorno, Dark morning per il mercato internazionale, fosse in realtà una specie di messaggio in codice di hacker russi o spie per una cellula appunto in Ucraina una lettura che onestamente mi ha commosso ma che alla fine potrebbe tradursi in vari anni di galera cosa che comprometterebbe il mio futuro contratto con Netflix a meno che il contratto non contempli questa opzione che onestamente potrebbe rivelarsi abbastanza interessante a patto che renda sul piano economico cosa che di questi tempi non va sottovalutata.

Il collegamento con la quasi sparizione del mio amico esorcista con Il buio di giorno e spionaggio internazionale è qualcosa che nemmeno Tom Clancy ma il tizio che avevo davanti stava cercando l’Ucraina in sudamerica e credo che dovrò ricontattare il mio avvocato sempre che non abbiano fermato anche lui o forse anche Netflix che di sicuro un avvocato on call per le star internazionali ce l’hanno…

 

Ellouin

Interno pomeriggio

Un’orrido multisala di nota città del nord. Un quasi seminoto autore horror underground con oltraggiosa parrucca cerca di mimetizzarsi inutilmente tra una folla di teen sconnessi . La camera vaga per la sala cercando angoli interessanti. Luci buie e vaga puzza di popcorn scaduti e sprite sgasata.

I servizi segreti del Vaticano mi stanno ancora seguendo nonostante la mia testimonianza a favore del mio amico esorcista o forse proprio per questo di certo il tribunale degli esorcismi non autorizzati ha diversi paletti che proprio non sono così facili da interpretare ma questi mesi di fuga mi hanno suggerito che in futuro se mai ce ne sarà uno dovrò essere un po’ più prudente quando una tizia giura che non ha mai studiato latino in vita sua e che la bilocazione diventa più semplice quando hai una gemella svalvolata ma si sa live and learn come diceva il mio ex produttore che deve essere ancora in Vietnam almeno così mi scriveva in un suo ultimo messaggio a girare con la nuova star del cinema locale Tran Tin Toc o Tic Tran Toch nella sua nuova trilogia Vietdamned che io so prima o poi sfonderà anche qui, almeno credo. Il mio amico esorcista che è ancora latitante giura che prima o poi la situazione si risolverà e mi ringrazia della mia testimonianza ma noi nell’horror underground siamo sempre così solidali che non ce n’era bisogno poi certo se mi mollerà anche tutto il girato sulle possessioni parallele sarei anche più contento visto che mi serve come promo per la mia spero futura nuova serie su Netflix che la tizia giura che sarà la fiction dell’anno il titolo nuovo che ho personalmente scelto sarebbe Deep Dark un mix esplosivo di clip vere o quasi e fiction con il tono del documentario che sembra che a Netflix piaccia parecchio e io chi sono per negare gioie a Netflix solo una vaga celebrità underground.

Intanto in questo periodo di semilatitanza mi sono dedicato a ciò che offre il mercato dell’horror in questi giorni e a parte Hereditary dove la star assoluta muore dopo venti minuti ci sarebbe The Nun dove questa suora birichina che ha avuto i suoi momenti di gloria in The Conjuring ritorna con un convento tutto suo con una sceneggiatura che potrebbe stare in un tweet singolo ma cosa vuoi in compenso la suora giovane ci prova il prete che l’accompagna non sembra convinto ma ovviamente grande successo e a Netflix sembrano anche loro ossessionati dalle suore e similia e credo di avere ancora uno script da qualche parte sul convento di suore possedute che avevano questo negozio di moda religiosa e un loro sito web e le loro sfilate erano sempre molto affollate all’inizio e alla fine un po’ meno ma devo cercare in archivio, ancora una volta…

NIHIL NOVUM SUB NETFLIX

Interno incerto

Un orrido ufficio di grande e seminuovo palazzo in centro di nota città del nord. Un notissimo autore della quasi scena horror underground internazionale, la camera panoramica a 360 piante di plastica in un angolo & luci casuali. Vaga puzza di merendine scadute e cera emulsio.

Come temevo cosa che succede sempre quando sembra che tutto stia andando bene The vampire’s widow è in standby che in codice significa mai-nella-vita, la tizia non risponde al telefono e una mail in netflixese dice che al momento le nuove idee e i nuovi progetti sono sempre nella lista dei loro desideri per un nuovo pubblico etc etc e che attualmente per il pubblico italiano stanno sviluppando il prequel di un sequel di un remake di una serie tipo Twilight ma con tocchi di Un medico in famiglia che non nominano caso mai la concorrenza cioè io mi mettessi in testa di sviluppare questa gemma da qualche altra parte nella fantomatica ipotesi che ci sia un’altra parte ma l’idea è quella di Stranger things o di Insidious che sono sempre delle idee di merda ma la merda oggi sembra il nuovo Chanel n 5 e io sono ancora disoccupato senza un orizzonte e nemmeno un castello con vampiro.

Alla fine tutte le serie di Netflix che mi sono dovuto sorbire per entrare nello spirito del network non sono servite a niente l’idea è sempre sempre la stessa cioé una puntata divisa in dieci e/o quindici dove non succede mai veramente niente tranne qualcuno che guarda fisso in camera sale la musica e appaiono i titoli di coda tanto la puntata dopo arriva subito mica dopo una settimana se no sai quanti vedrebbero la seconda puntata quindi mi dovrò concentrare su qualcosa fuori dal mainstream solo che fuori dal mainstream non ci sono soldi.

Per adesso all’orizzonte underground ci sono solo diversi festival sempre che ci siano i soldi per metterli in piedi ma c’è n’è uno che non tradisce quasi mai il Darkland che mi ha appena chiamato promettendomi che quest’anno hanno trovato un cimitero abbandonato dove fare le proiezioni con una vera cappella sconsacrata e devo chiedere al mio amico esorcista se esistono veramente i cimiteri abbandonati perché la cosa mi ricorda molto Poltergeist che voglio dire….

 

( DONT ) RETURN TO SENDER

Interno incerto

Un orrido giorno di finta primavera in hinterland di grande città del nord.

La camera zoomma su un noto autore horror underground virato sul mainstream. Uno spettacolare travelling behind alla Kubrick nel corridoio di una estremamente nota casa di produzione. Luci orrende e vago odore di incenso totalmente artificiale.

La tizia di Netflix sbuca improvvisamente da una porta come in un horror di Sergio Arranca questo posto ha delle potenzialità come set ma dovrei buttare giù qualche muro e qui il realismo nel mainstream non è visto molto bene tranne che nei Romanzi Criminali & Gomorre dove una strage in più non si nega mai a nessuno ma la tizia sorride il suo sorriso mainstream e mi chiede se possiamo trasferirci in una zona relax e dico certo e mentre ci inoltriamo in un sotterraneo male illuminato mando un messaggio al mio amico esorcista dicendogli che se non dovesse più sentirmi di venirmi a cercare qui ma alla fine sbuchiamo in una specie di rotonda autostradale con delle agghiaccianti poltroncine di plastica al posto delle auto e cautamente ci sediamo. Riesco a sentire l’eco di tutte le parole che rimbalzano ritornando verso la sorgente cosa che non ho mai usato in nessuno dei miei film ma fare un audio buono costa e le sale dove di solito finiscono le mie opere non hanno quellochesidice un grande impianto ma la tizia sta per dire qualcosa tipo solenne e spero solo che includa i miei numeri Iban che da un po’ di tempo nessuno sembra prendere in considerazione e dice che il mio script/pitch/soggetto The vampire’s widow lo trovano tutti assolutamente fantastico solo che c’è un piccolo problema con il titolo visto che sarebbe quello di un orrido romanzo di serie Z e che sembra che qualcuno ci abbia pure fatto un film ma la notizia in realtà è un’altra che è la ragione per cui siamo finiti in questa catacomba e le parole di questo annuncio rimbalzano con un effetto che ha un fascino assolutamente paranormale comunque sembra anzi è certo che Netflix voglia lanciare un telefono con il suo brand una news assolutamente riservata che però non capisco perché la stia dicendo a me a meno che non mi voglia rinchiudere in una sezione apposita per autori tipo Westworld ma mentre cerco di capire quale sia la strada verso la superficie la tizia aggiunge che questo supersupernuovo modello avrebbe come special feature le nuove esclusive produzioni di Netflix tra cui ovviamente la mia alla quale ovviamente ho già trovato il nuovo titolo They returned.

Ma ovviamente come tutti i b movie non è finita qui la grande novità è che gli abbonati riceverebbero sul loro telefono personale diversi finali e gli immancabili contenuti extra che da come la racconta sembrerebbero essere ancora più importanti della serie in se stessa cosa che avrebbe mandato Andy Warhol fuori di testa ma ci sarebbe ancora dell’altro tipo delle dirette live con ancora contenuti e personaggi della serie che raccontano roba & cose che boh e chiedo quanto dovrebbe costare questa magia di marketing e la tizia dice tipo 1500 con l’abbonamento incluso aggiunge con un gesto esagerato e mentre ritorniamo verso le stelle e la luce penso al lancio della cosa che deve essere proprio proprio proprio convincente….